BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIVERSITA'/ Cammelli (AlmaLaurea): le classifiche? Per ora sono impossibili...

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

foto Infophoto  foto Infophoto

Sarebbe interessante fare una graduatoria di atenei sulla base del valore aggiunto che sono stati in grado di immettere sul capitale umano all'ingresso: è significativa perchè mostra la capacità dei docenti di avere a che fare con giovani che magari escono da ambienti socio- economici deprivati, ma che ciononostante, sono capaci di far fare loro un salto di qualità. Ci vorrebbero metodi diversi per le valutazioni.

 

Ad esempio?

Come AlmaLaurea abbiamo valutato che la maggior parte di chi si iscrive all'università viene da famiglie in cui non ci sono laureati. Secondo, abbiamo rilevato che ogni anno l'università perde, in media, 18 immatricolati su 100: un costo e una mortificazione enormi. Partendo da queste considerazioni, il nostro sistema “AlmaOrièntati” è diviso in quattro tappe: la prima è stata fatta con la collaborazione di colleghi psicologi ed è volta ad accertare i punti di forza e di debolezza del ragazzo che compila il questionario. Il secondo mostra qual è il vantaggio di fare l'università in termini occupazionali. Il terzo percorso racchiude un elenco di materie che costituiscono la spina dorsale di ogni corso di laurea e ad ognuno occorre dare un voto per capire quali sono i desiderata dello studente. Questi dati vanno ad incrociarsi con quelli della banca dati del ministero, restituendo i corsi di laurea che sono più affini alle capacità del ragazzo, specificando università, nomi di professori e persino di tutor. L'ultimo step è un questionario che è volto a capire quale lavoro desidera svolgere il ragazzo.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.