BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Docenti e nuove province, caos al via

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

L'Upi, Unione Province italiane, lancia l'allarme: a settembre almeno la metà delle province andrà in dissesto e non potrà assicurare l'apertura di molti istituti scolastici. Per Giuseppe Castiglione, presidente di Upi, con i tagli da 500 milioni di euro nel 2012 e quello da 1 miliardo nel 2013 le province non avrebbero soldi sufficienti nelle proprie casse per garantire la riapertura delle scuole. Il problema va ancora una volta sotto il nome di spending review: parametrando 1,3 miliardi ai 500 milioni previsti dal decreto legge sulla revisione delle spesa varato dal Governo Monti, il taglio reale che dovrebbe spettare alle province è pari a 176 milioni di euro per il 2012 invece dei 500 milioni previsti. E 352 milioni di euro per il 2013 invece del miliardo previsto.

Insomma, un errore di valutazione che metterebbe a rischio l'anno scolastico nella maggior parte delle regioni. “Lo abbiamo detto a Bondi”, ha affermato il presidente dell'organo di rappresentanza delle province, riferendo dell'incontro avuto nei giorni scorsi con il consulente del governo per la spending review. Castiglione ha ricordato che in merito all'accorpamento delle province, previsto dall'ultimo Consiglio dei Ministri, devono essere i territori a poter decidere in autonomia e sulla scadenza temporale fissata in 40 giorni per procedere all'accorpamento è necessario un tempo più congruo. L'Upi è concorde nella riduzione della spesa e su una maggiore efficienza degli enti locali, ma “il dimagrimento non può incidere su quelle che sono le funzioni principali degli enti - conclude Castiglione - a partire dal tema dell'edilizia scolastica e dell'occupazione”. “L'allarme è realistico - dice Remo Morzenti Pellegrini, prorettore dell'Università di Bergamo - anche se nei giorni scorsi parallelamente al riassetto delle province è stato ipotizzato che le competenze di queste ultime passino ai comuni. Ora c'è confusione e mi stupisce, più che altro, che si sia messa mano a questa nuova ripartizione delle funzioni senza un riassetto complessivo dei rapporti fra Stato, regioni ed enti locali. Anche perché esiste una norma dello Stato entrata, ormai, nel pieno dell'applicazione che prevede compiti precisi agli enti locali. La riforma dello Stato, approvata con la Legge Bassanini nel 1997, è stata attuata con una serie di provvedimenti che ancora oggi necessitano di una completa attuazione. Uno di questi era il Decreto 112/98 che prevedeva compiti e funzioni in materia scolastica per Stato, Regioni ed Enti Locali. In quest'ultima categoria rientrano a pieno titolo le province”. 



  PAG. SUCC. >