BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPENDING REVIEW/ Università, ecco dove si annidano gli sprechi

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

foto Infophoto  foto Infophoto

Come si collocano gli investimenti italiani rispetto a quelli europei? “In Europa siamo ai livelli più bassi di investimento, in termini percentuali di prodotto interno lordo - afferma ancora Cammelli -. Abbiamo un numero di laureati molto modesto: nella fascia di età fra i 24 e i 35 anni solo 20 ragazzi su 100 hanno conseguito una laurea. Un dato allarmante se lo si confronta con quello dei paesi avanzati che, invece, si attesta a 38. In più, le statistiche internazionali ci dicono che quando andiamo a studiare le percentuali di professioni di alta specializzazione, mentre tutti gli altri 26 dell'Ue proprio in questi anni di crisi hanno investito in maniera più pesante, l'Italia ha fatto esattamente il contrario. Questo ci impedirà di riprenderci appena cesserà la crisi internazionale perchè le nostre menti migliori saranno già fuggite all'estero”. Quali sono i campi che andrebbero finanziati in maniera più massiccia per farli diventare dei veri punti di eccellenza? “Abbiamo un ritardo storico e robusto sulle facoltà tecnico-scientifiche, che andrebbero curate in maniera capillare. Mi stupiscono, inoltre, le difficoltà occupazionali dei laureati in beni culturali in un Paese che custodisce il 50% delle bellezze storiche mondiali”.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.