BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Gontero (Agesc): il governo "taglia" il sostegno? Pagano le paritarie...

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Da quando in qua chi è più debole viene lasciato solo? Se lo chiede il Presidente di AGeSC (Associazione Genitori Scuole Cattoliche), Roberto Gontero, commentando l'allarme lanciato dall'Anief sulla carenza di insegnanti di sostegno a pochi giorni dall'inizio del nuovo anno scolastico. Secondo Anief, infatti, alcune amministrazioni regionali avrebbero scelto di togliere l'insegnante di sostegno a moltissimi alunni con disturbi specifici di apprendimento, concedendolo solo in presenza di “casi gravi” di handicap. Un paio domande su un provvedimento che lederebbe uno dei diritti fondamentali, quello allo studio e che coinvolgerebbe almeno 300mila ragazzi con disturbi psichici: quale sarebbe il “limite” che dovrebbe bollare come “grave” la disabilità di uno studente? E chi si arrogherà il compito di classificare la gravità di un handicap?

“Come pensano di poter aiutare a crescere quei ragazzi che presentano disabilità minori - afferma Gontero - ma che, comunque, registrano difficoltà? Il Miur ci dovrebbe spiegare come si dovrebbero regolare gli insegnanti e i compagni di classe di quegli studenti che avevano per diritto il sostegno e che, da settembre, lo perderanno. Questo non fa che penalizzare i compagni di classe poiché, per forza di cose, verrà meno la qualità dell'insegnamento”.

“Per di più, come al solito, la scuola italiana - dice ancora Roberto Gontero - non perde occasione per dimostrarsi sempre più inadeguata, vista la scarsa tempestività con cui affronta problemi che vanno risolti con il criterio dell'emergenza. Come Agesc, siamo vicini ai genitori di questi ragazzi che anche in periodi normali non vivono una situazione idilliaca e che ora si trovano di fronte ad un grosso enigma da risolvere. Trovo poi assurdo che in mancanza di lavoro per migliaia di docenti, mi riferisco ai precari storici o ai neolaureati, non si trovino insegnanti per sostenere quei ragazzi che fanno più fatica. Il nostro Paese si conferma il più distratto in Europa nei riguardi degli alunni e dei giovani che si formano, e il più disattento verso le minoranze”. 



  PAG. SUCC. >