BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Campione (Pd): 4 mosse per aprire il concorso ai giovani

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

La legislazione attuale, infatti, ha in sé un meccanismo per dare almeno una possibilità a chi ha meno anzianità di servizio. Essa prevede che quando si procede con le immissioni in ruolo, il 50% dei posti sia assegnato ai vincitori di concorso (di qualsiasi età) e il 50% a chi è davanti nelle Graduatorie ad esaurimento (per forza di cose più anziano). Ovviamente nessuno impedisce di partecipare al concorso a chi è in graduatoria da decenni. Chi tra loro è più indietro in graduatoria avrà semplicemente l’opportunità di entrare in ruolo prima, qualora dovesse svolgere le prove meglio dei colleghi più anziani.

Chiedere di bandire il concorso solo per le graduatorie ormai esaurite è un modo per bypassare questo vincolo senza assumersene pienamente la responsabilità. Sorprende che una tale richiesta – con poche eccezioni – venga proprio da chi si ritiene di sinistra e da chi ha il compito di educare i nostri figli. Invece da chi fa mea culpa per aver lasciato che una generazione fosse sacrificata mi aspetto che quanto meno respinga con perdite quei partiti e sindacati che avanzano una richiesta del genere. Profumo ha in più occasioni difeso il principio del concorso, ma dovrebbe trovare il coraggio di andare fino in fondo e bandire il concorso per tutte le discipline, non solo per quelle con graduatorie ormai esaurite (per lo più materie scientifiche).

Sull’altare della pax sindacale e della tutela di chi è in graduatoria da tempo il Miur ha già sacrificato (ricevendo in cambio solo critiche e annunci di ricorsi) più di 20 mila assunzioni che avverranno pescando esclusivamente dalle graduatorie. Almeno per i 12 mila del concorso si dia una possibilità a tutti, anche ai laureati in lettere e in storia. Non servono quote riservate ai giovani o un’ulteriore riforma delle procedure di assunzione, con annesso pericolo di ricorsi e contro-ricorsi. Se veramente il governo ha a cuore i giovani cominci col non togliere loro le poche opportunità di cui dispongono. Il concorso a cadenza biennale e per tutte le discipline sono tra queste.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
29/08/2012 - Giovani e TFA (Khan Kubla)

Caro Campione e cari commentatori che si sono spesi con tanta forza a sostegno dei TFA per "nuovi" e "giovani" insegnanti che svecchieranno il sistema, avete speso qualche minuto a scorrere le date di nascita degli iscritti alle prove selettive? Nella maggior parte delle sedi universitarie, di giovani (se per giovani si intendono gli under 30, come sembra definirli il Ministro) quasi non se ne trovano. Sorprendentemente qualche giovane invece nelle graduatorie ad esaurimento c'era e c'è ancora in attesa di invecchiare da precario, chi ha speso qualche parola in loro difesa invece di costruire il mito dei TFA?