BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ 1. Concorso presidi, i formalismi gettano le scuole nel caos

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Il Consiglio di Stato ha forse mentito? Non proprio; però ha smentito se stesso, decidendo di rigettare l’appello cautelare del MIUR (sostenuto, ad adiuvandum, da altri ricorrenti patrocinati da due avvocati di parte) e di fissare la “trattazione nel merito della controversia” in udienza pubblica il 20 novembre prossimo, ad anno scolastico ben iniziato. Infatti (non in astratto), dopo aver in un primo tempo considerato valida l’opposizione alla sentenza del TAR Lombardia del 18 luglio, e urgente al punto da convocarsi per il 28 agosto, ha poi deciso di non decidere. E, forse per non arrecare troppo danno a nessuno, le spese “sono integralmente compensate tra le parti”.

E, invece, il danno arrecato alla scuola lombarda è evidente e grande. Oltre un quarto delle istituzioni scolastiche lombarde saranno date in reggenza ad altri dirigenti scolastici, che così dovranno operare “a mezzo servizio”, con un dimezzamento anche della qualità del servizio – che solo “astrattamente”, come pare piaccia sostenere al Consiglio di Stato, potrà essere garantito dalla presenza di un dirigente scolastico a reggere l’istituzione rimasta senza un capo. Senza contare il fatto che ci saranno 355 insegnanti, vincitori per merito di un concorso a dirigente scolastico, rimandati nelle  loro classi fino al 20 novembre 2012, perché solo in tale data il Consiglio di Stato deciderà “nel merito” sulla questione. Con dispregio non solo della qualità della scuola, ma anche della finanza pubblica – perché, chi pagherà le spese del disservizio di tale inqualificabile “melina”? Lo Stato, pecuniariamente – cioé noi. La scuola statale tutta, in termini d’immagine.

Ma ciò importa al Consiglio di Stato? O importa di più l’astratto ed arido ossequio ad un principio che, nei fatti, forse è perfino stato rispettato, nonostante la non perfetta opacità delle buste (tant’è vero che al momento degli scritti nessuno dei candidati aveva minimamente obiettato sulla loro “forse trasparenza”)?

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.