BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Tfa, le "scuse" del Miur preparano il nuovo caos?

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Si trattava dunque, stando alla lettera delle norme, di verificare, alla partenza dei Tfa, le conoscenze disciplinari indicate da programmi che ne parlano per blocchi o per nuclei. Inoltre, ed è questo il cuore della questione, i contenuti a cui ci riferiamo, e a cui avrebbe dovuto riferirsi la commissione che ha predisposto i quesiti (nominata dal precedente governo e non più aggiornata da quello attuale), sono pensati per essere insegnati, quindi sono insiemi di temi e problemi concepiti unitariamente e non hanno vita propria se presi singolarmente. 
Al di là delle considerazioni che si possono trarre sull’immagine di insegnante che scaturisce da questo percorso (uno che basa la didattica sul testificio?), l’impressione è che il Miur non disponga attualmente di un modello di verifica delle conoscenze disciplinari degli insegnanti, in ordine alla realizzazione di prove strutturate che, oltre tutto, comportano uno sbarramento (almeno 42 risposte esatte; votazione minima: 21/30 punti). 
Si pencola tra il modello delle vecchie SSIS (molto nozionistico, ma senza sbarramento e un poco più riflessivo) e la settimana enigmistica (da non disprezzare sotto l’ombrellone, ma assurda per una selezione di docenti). Si affollano alcune domande: l’Invalsi non ha nulla da dire in proposito? È vero che i suoi test per la rilevazione degli apprendimenti sono molto discussi, eppure si tratta pur sempre di esercizi che rispettano una struttura organizzativa. In questo senso, probabilmente, intendevano muoversi le 10 domande di comprensione del testo presenti nei quiz del Tfa. 
Il modello sarà da trovare al più presto, nel contesto dei problemi accennati, perché un prossimo Tfa transitorio è all’orizzonte (prossimo autunno?). 
Nello stesso tempo fonti ministeriali avvertono che una prova preselettiva, ancora una volta di blocco per l’accesso al concorso, sarebbe compresa anche nei prossimi bandi per l’immissione in ruolo di docenti abilitati. Cui prodest? O meglio ancora: perseverare diabolicum est?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.