BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Formazione insegnanti, difficoltà di avvio e dati su cui riflettere

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Alcuni insegnanti in una foto d'archivio (Foto: Infophoto)  Alcuni insegnanti in una foto d'archivio (Foto: Infophoto)

Che gli insegnanti intervistati nella ricerca dichiarino in modo consapevole che l’area metodologico-professionale sia la zona d’ombra più critica delle proprie competenze, e quindi della propria formazione, più che una novità costituisce, per chi capisce qualcosa di formazione degli insegnanti e di scuola, una preoccupante conferma.

Chi può mettere in discussione che la preparazione disciplinare deve garantirla il percorso accademico disciplinare? Chi può ignorare il dato emergente dall’indagine nel quale gli insegnanti laureati in Scienze della formazione primaria paragonano quella laurea a una qualsiasi altra laurea? Ce n’è per tutti, da una parte e dall’altra. Ma allora dove sta il problema?

Il risultato della ricerca della Fondazione Agnelli mette a nudo, fra le righe, una criticità centrale in tutto il sistema di formazione degli insegnanti: la qualità dei formatori e degli staff di formazione dei percorsi per l'insegnamento e la necessità di una collaborazione vera fra scuola e università su formazione e ricerca didattica nella scuola.

L'assenza di uno sviluppo professionale degli insegnanti che proietti il docente esperto (al momento non esiste alcun riconoscimento né alcuna norma che regoli la materia) verso l'impiego delle proprie competenze nella ricerca didattica e nella formazione, rende fragile ogni proposta formativa accademica sull’insegnamento.

Il clamoroso dato che l’indagine fa emergere sulla scarsa significatività specifica del corso di laurea in Scienze della formazione primaria, anche se non va preso come oro colato (si tratta pur sempre di una percezione), traccia un solco profondo fra i bisogni formativi avvertiti da chi opera sul campo e quanto si progetta e si realizza all’università, o almeno nella maggior parte delle università appartenenti alla maggior parte delle regioni italiane.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >