BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Formazione insegnanti, difficoltà di avvio e dati su cui riflettere

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Alcuni insegnanti in una foto d'archivio (Foto: Infophoto)  Alcuni insegnanti in una foto d'archivio (Foto: Infophoto)

Segnali forti sarebbero a nostro parere necessari da parte di organismi rappresentativi del mondo della scuola (associazioni e sindacati) e di università. I bandi di affidamento degli insegnamenti di laboratorio e didattica nei TFA e i criteri che valuteranno le competenze cui dare più valore per gli affidamenti, potrebbero rappresentare una prima occasione, un segnale nella direzione della qualità dei formatori e della formazione iniziale degli insegnanti, ma certamente non sufficiente per la complessa e intricata materia dello sviluppo professionale dei docenti e della collaborazione fra scuola e università nella ricerca e nella formazione applicate alla scuola.

La politica ha atteso troppo, nelle discussioni e nelle decisioni. Da parte di tutti si deve porre maggiore attenzione a quanto scrive in apertura la relazione con cui la Fondazione Agnelli presenta i suoi recenti dati, quasi un grido che ormai da tempo in molti rivolgiamo alla comunità scientifica e politica: “I risultati di apprendimento degli studenti dipendono dalla qualità dell’insegnamento, che a sua volta dipende in modo significativo dalla formazione iniziale e da quella in itinere dei docenti. I percorsi di formazione iniziale e l’offerta della formazione in itinere hanno un’importanza strategica all’interno dei sistemi educativi”.

Se da queste letture non si è capaci di comprendere che la scelta dei formatori e gli investimenti in questo campo sono il nodo cruciale della filiera, significa che non si vuole risolvere un problema che, più passa il tempo, più espone qualunque politica orientata al miglioramento della scuola al rischio di infrangersi contro la mancanza di strumenti adeguati ad affrontare le notevoli complessità della scuola e contro la crescente demotivazione dei docenti.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.