BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Aprea (Regione Lombardia): caos presidi, serve un altro concorso

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Valentina Aprea (InfoPhoto)  Valentina Aprea (InfoPhoto)

Spero innanzitutto che questo concorso possa giungere a conclusione positiva, se fosse necessario anche attraverso accordo extra giudiziali, pensando innanzitutto alle situazioni personali dei 400 vincitori, che hanno lavorato intensamente per un risultato positivo ora compromesso da responsabilità di altri. Riteniamo però che il ministero non debba aspettare la sentenza definitiva del 20 novembre per attivarsi: se il Consiglio di Stato dovesse confermare l’annullamento del concorso non avremmo infatti più alcuna alternativa non solo per questo anno scolastico, ma nemmeno per il prossimo. Partiamo dalla constatazione che se quest’anno i posti da dirigente vacanti sono 500 il prossimo anno saranno quasi 700 e che tutti devono essere coperti da personale di ruolo: proprio perché siamo una delle Regioni più virtuose d’Italia ed abbiamo proceduto responsabilmente ad una razionalizzazione del sistema scolastico non possiamo accettare di avere nemmeno una sede senza dirigente. Soprattutto desideriamo che la selezione della classe dirigente avvenga nell’ambito dei docenti della scuola lombarda.

Allora cosa propone?

Bisogna bandire immediatamente un nuovo concorso per altri 350 posti. Se il ricorso pendente venisse rigettato avremmo subito 355 dirigenti e nell’arco di qualche mese anche gli altri 350 di cui la Lombardia ha bisogno. Se il Consiglio di Stato al contrario confermasse l’annullamento, gli attuali vincitori avrebbero comunque una seconda possibilità, con forme di tutela e di precedenza o semplificazione delle prove atteso che il merito era già stato accertato. Ciò che non potremo accettare sono soluzioni di ripiego che mettano in crisi la funzionalità e la qualità della scuola lombarda e che vedano la nostra regione sottoposta a mobilità forzose pur di avere la funzionalità minima. Noi puntiamo in alto e quindi vogliamo dirigenti lombardi che conoscono già la qualità della nostra scuola e la garantiscano per il futuro.

 

(Federica Ghizzardi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.