BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Chiosso: i tablet? L'importante è non "dimenticarsi" degli studenti

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

InfoPhoto  InfoPhoto

Le parole d'ordine sono “digitalizzare” e “dematerializzare”. Il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo ha inaugurato l'anno scolastico lanciando la sfida che poterà la modernizzazione dell'intero apparato scolastico. Innanzitutto, via carta e penna che saranno sostituiti da computer, tablet e lavagne interattive. Da quest’anno tutte le classi di medie e superiori avranno, entro poche settimane, un computer da usare a lezione: le classi dove si accenderà un pc sono 34.558 nelle scuole medie e 62.200 alle superiori per un totale di 24 milioni di euro necessari per rimanere al passo con la tecnologia. Negli ultimi anni sono già stati spesi per l’innovazione tecnologica 250 milioni, tra risorse nazionali e comunitarie. Ora bisogna allungare il passo, in coerenza col decreto sulla spending review che prevede, fra l’altro, da quest’anno iscrizioni online e registri in formato elettronico. Tutto per liberare aule e segreterie da fascicoli, fotocopie e scartoffie: il progetto prevede un risparmio per lo Stato di 30 milioni di euro, una media di 6.200 euro a istituto, sei euro per ogni studente delle medie e delle superiori. Ma quali sono i vari aspetti della rivoluzione 2.0? Lo abbiamo chiesto per IlSussidiario.net a Giorgio Chiosso, pedagogista e docente nell’Università di Torino.

 

Professore, bene l'idea di far sparire la carta, risparmiando. Ma secondo lei non c'è anche un pizzico di ideologia tecnocratica in tutto questo?

 

Il governo sta modernizzando a poco a poco gli apparati dello Stato e non mi sorprende che anche la scuola stia andando nella stessa direzione. D'altro canto, voglio sottolineare che la qualità della scuola non si misura con il numero dei tablet distribuiti nelle classi o dal numero delle lavagne interattive. Questi sono, solo ed esclusivamente, strumenti tanto quanto cento o centocinquanta anni fa lo erano i quaderni. Sono d'accordo con l'introduzione di computer e tablet perchè sono strumenti che allineano la scuola alla realtà che sta cambiando ma, voglio rimarcare, che al centro del sistema educativo resta sempre il rapporto fra professore e alunno: l'attore principale della scuola è l'insegnante e il coprotagonista è l'allievo. I nuovi strumenti non debbono mai avere la presunzione di sostituire il nucleo centrale del processo educativo: il legame fra queste due figure.

 

Un tablet a ogni prof del sud, dice Profumo. Secondo lei al Sud la nostra scuola ha bisogno dei tablet?

 

Penso che ogni sforzo fatto per eliminare il gap fra regioni del Nord e del Sud, così come emerge da tutte le indagini, sia utile.

 

Cosa cambierà nel modo di far lezione per i professori? 




  PAG. SUCC. >