BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCUOLA/ 2. Cosa c'entra il nuovo concorso con i prof inidonei?

InfoPhoto InfoPhoto

Le sarebbe accaduto se avesse svolto altri lavori? Lo stress lavoro-correlato potrebbe aver contribuito a slatentizzare il disagio che ora vive e l’ha resa ultimamente incapace anche dell’indispensabile capacità di critica e giudizio. E’ evidente il desiderio della professoressa di stare a scuola in modo diverso rispetto al passato trascorso in cattedra, ma pur sempre utile e molto valido anche se meno riconosciuto.

Chi sceglie la professione docente e dopo anni di lavoro si ammala al punto da dover lasciare le classi per diagnosi di inidoneità temporanea o permanente all’insegnamento, mantiene l’idoneità ad altre mansioni educative e non diventa automaticamente un robot o un pezzo da rottamare. Perché dunque demansionarli facendoli diventare segretari amministrativi e per di più tappabuchi? Credo che nessuno più del personale attualmente inidoneo sarebbe capace di "iniettare" dosi di passione educativa alle nuove generazioni di insegnanti. Chi sta preparando il concorso a cattedre ha mai ipotizzato di valorizzare le loro quasi eroiche esperienze?

© Riproduzione Riservata.