BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Cari prof, uscite dall'ingranaggio e tornate a "bottega"

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

(Infophoto)  (Infophoto)

Le “botteghe” nascono da un atto di fiducia nei confronti di tanti insegnanti capaci e volenterosi, che sfidano una didattica ripetitiva o asettica, mettendo in atto percorsi di profonda rivisitazione dell’oggetto insegnato. Alla luce di un lavoro comune, le conoscenze raggiungono il fondo misterioso e significativo di cui sono fatte le cose.

Questo è lo scopo delle “botteghe”, ma questo è anche (o dovrebbe essere) lo scopo della scuola che non ha altra ragione d'essere che di porsi come ambito di verifica paziente di un’ipotesi di lettura e interpretazione della realtà, fornita ad alunni di diverse età, nel rispetto del loro grado di comprensione e di giudizio. Botteghe, dunque, che guardano immediatamente la realtà della scuola in tutti i suoi fattori e che si inquadrano, mediante la Convention, nella risposta alla crisi della didattica da parte di persone che prima di tutto rischiano con i colleghi la propria faccia.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.