BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIVERSITA'/ Solo un colloquio darebbe senso alla "lotteria" dei quiz

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

foto Infophoto  foto Infophoto

Il numero chiuso per la facoltà di Medicina è una prassi consolidata in tutto il mondo ed è una scelta più che ragionevole. Come dovrebbe essere anche per intraprendere la facoltà di Giurisprudenza che, come Medicina, richiede attitudini specifiche. Il problema è che il numero dei partecipanti ai corsi è stato ristretto in maniera esagerata e questo potrebbe portare, fra dieci anni, ad una carenza di medici.

 

Nel merito, sono davvero utili i test d'ingresso? E' emblematico il caso del medico che è stato bocciato ad un test d'ingresso di Medicina per via di alcune domande che esulavano dalla professione.

 

Il test non dovrebbe contenere nozioni troppo specifiche poiché le carriere scolastiche degli studenti sono diverse: le conoscenze acquisite al liceo classico sono, chiaramente, diverse da quelle dello scientifico. La via più logica sarebbe quella di scegliere domande che presuppongano non una nozione ma bensì un ragionamento. A mio parere, i requisiti che non dovrebbero mancare per uno studente che si appresta ad entrare in una facoltà come Medicina dovrebbero essere: un buon voto alla maturità, una solida preparazione generale ma, soprattutto, delle fortissime motivazioni. Queste ultime sono alla base per chi si appresta ad un mestiere tanto impegnativo e vocazionale.

 

Come è possibile verificare quest'ultima opzione?

 

Attraverso colloqui orali “ad personam”. Per evitare il caos causato, come dicevo prima, dai test “dell'ultim'ora”, la soluzione sarebbe istituire un test pre-selettivo prima che i ragazzi dell'ultimo anno sostengano l'esame di maturità e poi, scremare i candidati a luglio con un colloquio attitudinale e motivazionale. Il risultato è chiaro: prima delle vacanze estive è stabilito con precisione chi potrà accedere ai corsi. Purtroppo, questa proposta ha un piccolo inconveniente: il colloquio darebbe adito a polemiche su eventuali raccomandazioni.

 

Molti studenti affronteranno più test. E' corretto che le facoltà permettano che questo avvenga?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >