BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Il "rebus" dell'inglese nel I ciclo: dove cominciare?

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Comunque io credo che la vera risorsa attivabile negli adolescenti sia l’intelligenza, che chiede di osservare, ma anche di riflettere e di astrarre anche nella lingua straniera, visto che questo passaggio di criticità è presente in tutte le discipline ed è indispensabile se si vuole educare il giovane. L’intelligenza, intendendo con ciò l’osservazione sistematica di un dato di realtà nella sua complessità, può e deve sopperire all’impossibilità di riprodurre le condizioni di apprendimento della lingua madre in età infantile, e vincere la resistenza dell’adolescente a fidarsi dell’adulto che lo può “interessare” al lavoro scolastico solo se ne stima la sua natura di “adulto in formazione”.

Per farlo, bisogna che nella lingua straniera il premio sia alto, e la pugna seria, e quindi che gli oggetti del lavoro scolastico, quali i due qui descritti (ma occorrerebbe parlare diffusamente anche del lessico, non lungo elenco di parole da imparare, ma una realtà fatta di famiglie di parole in derivazione fra loro, e spesso in collocazione fra loro), siano “difficili”, nella compagnia ragionevole, attenta e, si spera, avveduta del docente.

 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
10/01/2013 - COME POTER ESSERE DI AIUTO (Luisa Parco)

buongiorno Silvia, grazie per questo articolo! Sono mamma di 3 figli oltre che diplomata in interpretariato e traduzione. Ha espresso molto bene un pensiero che esprimo anch'io da anni e che sarebbe interessante riuscire a veicolari ai nostri legislatori affinché venga finalmente messa in pratica una seria modalità di apprendimento della lingua inglese, come lei ha giustamente declinato in tutti i suoi aspetti. Come ho sentito dire da un docente di madre lingua inglese ad un convegno, occorrerebbe prima di tutto insegnare la lingua parlata e poi passare allo scritto, esattamente come facciamo noi madre lingua italiani, che fino ai 6 anni parliamo e POI iniziamo a scrivere. Senza parlare dei grossi problemi incontrati dai dislessici, doppiamente penalizzati dai sussidi scolastici attualmente in uso. Sono disponibile ad approfondire l'argomento e a mettere a disposizione la mia professionalità qualora si possa fare formazione ai docenti. buona giornata e buon lavoro! Luisa