BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ A Milano una iniziativa per "decifrare" il Tfa

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Il momento è fra i più delicati e le incognite che gravano sulla piena attuazione del Regolamento per la formazione iniziale degli insegnanti (D.M. 249/2010) sono molte: dai Tfa speciali che si dice siano sulla linea di partenza, alla decretazione dei contingenti dei tutor coordinatori che sembra essere la causa di un impasse ancora da superare, alle contingenze legate all’applicazione delle disposizioni sull’accreditamento delle scuole, disciplinato dal recente D.M. 30 novembre 2012, n. 93. 

In questa difficile fase di transizione la scuola, o meglio una sua qualificata rappresentanza, invita tutti i soggetti coinvolti nella formazione iniziale degli insegnanti a confrontarsi su prospettive e criticità del tirocinio formativo. Lo fa a Milano, venerdì 18 gennaio dalle 9.00 alle 18.30. 

Patrocinato dall’assessorato all’Istruzione, Formazione e Cultura della Regione Lombardia e dall’Ufficio scolastico regionale della Lombardia – Uff. XVII - Milano, presente ad aprire i lavori il dirigente dott. Giuseppe Petralia, la giornata di studio Tirocinio formativo: la voce della scuola, un ponte per la formazione iniziale degli insegnanti è stata organizzata dall’Anfis (www.anfis.eu) in collaborazione con l’Istituto Professionale di Stato per i Sevizi Commerciali e Turistici “Marignoni-Polo” (www.marignonipolo.it) che accoglie i lavori nella sua sede di via Melzi d’Eril 9 a Milano.

L’intenzione degli organizzatori e dei partecipanti è di decifrare il “tirocinio formativo”, da tutti considerato uno dei momenti maggiormente qualificanti dell’intero percorso di formazione degli insegnanti, con due chiavi di lettura distinte. 

Nella sessione mattutina ci si confronterà sugli aspetti più concreti del tirocinio formativo, sulla sua articolazione, sul collegamento che questo ha con gli insegnamenti di didattica disciplinare e laboratorio, con le opportunità e i problemi che presenta la classe di tirocinio, con una riflessione sul ruolo del tutor dei tirocinanti e del tutor coordinatore, sulla percezione che il tirocinante ha dei problemi del percorso. Sullo sfondo le competenze del nuovo docente e il percorso per conseguirle.

Interverranno alla sessione mattutina i “tecnici” della formazione degli insegnanti: insegnanti impegnati come figure tutoriali, docenti universitari di laboratorio e di didattica, dirigenti scolastici delle scuole ospitanti il tirocinio; con uno spazio riservato agli interventi dei tirocinanti e degli studenti di scienze della formazione primaria.

Nel pomeriggio il confronto si svilupperà su un piano più strettamente strategico, solo in parte legato alla contingenza del momento: quali prospettive e quali opportunità si aprono per una rinnovata e concreta collaborazione fra scuola e università in questa nuova esperienza che prende il via in mezzo a difficoltà e incertezze, in un momento di passaggio politico assai problematico? 



  PAG. SUCC. >