BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Decreto Carrozza, senza apprendistato l'istruzione non riparte

Pubblicazione:

Il ministro dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza (Infophoto)  Il ministro dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza (Infophoto)

È irrinunciabile garantire e sostenere adeguatamente il ruolo delle istituzioni formative quali soggetti responsabili del coordinamento del percorso formativo, del monitoraggio dell'apprendimento e della certificazione degli esiti nonché dell'erogazione di quei contenuti che non è possibile apprendere in impresa;

7. aumentare il numero delle qualifiche professionali per renderle maggiormente coerenti con le diverse specializzazioni del sistema produttivo;

8. prevedere un'adeguata flessibilità nelle modalità di erogazione didattica, comprendendo anche la possibilità di erogazione attraverso processi di formazione a distanza;

9. migliorare il rapporto tra strumenti quali il tirocinio extracurriculare e gli stage e l'inserimento in apprendistato;

10. promuovere strumenti che permettano ai tutor formativi e ai tutor aziendali di cooperare per il raggiungimento di un adeguato livello di competenze dell'apprendista. 

Si tratta di strumenti semplici, alcuni a costo zero, che permetterebbero all'istituto dell'apprendistato, da tutti citato come il canale privilegiato per l'inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, di diventare effettivamente uno strumento utile ai giovani e alle imprese, in analogia ai sistemi educativi duali adottati con successo da altri paesi europei. Solo così l'apprendistato diverrà canale formativo ad indirizzo professionalizzante realmente alternativo all'istruzione e formazione professionale ordinaria (formale) per tutti quei giovani che intendono completare i propri studi in condizione lavorativa e per tutte quelle imprese che intendono con questo strumento acquisire e sviluppare i nuovi talenti.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.