BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ La ricetta di Baricco "contro" i dati Ocse

Pubblicazione:

Alessandro Baricco (Infophoto)  Alessandro Baricco (Infophoto)

"Sono mancate le idee − racconta Alessandro Baricco nel libro che accompagna il dvd − perché sia da destra che da sinistra sono sempre mancate idee innovative sulla scuola. Lì bisogna mettersi con tanta pazienza e rifare tutto da capo; ma devo anche dire che probabilmente in sei mesi, mettendo insieme venti persone… due mesi passati ad ascoltare consulenti che possono venire anche dall'estero e quattro mesi a lavorare, in sei mesi tu rivolti la scuola italiana. Be', magari lasci perdere le elementari, ma rivolti medie e superiori. E noi è lì che siamo in sofferenza. Soprattutto le medie. Che poi è il momento fondamentale per i ragazzi di oggi. C'è un buco nero".

Un buco nero che richiede investimenti, una solida strategia, la volontà di vincere resistenze corporative e sindacali e un cambiamento di atteggiamento nei confronti dei docenti che vanno scelti finalmente con criteri meritocratici e di attitudine all'insegnamento e soprattutto retribuiti meglio. Ma probabilmente, seguendo le riflessioni di Baricco, andrebbe rivisto l'intero percorso formativo: "invece di pensare al sapere come a una sequenza lineare di step da percorrere tutti alla stessa velocità, si dovrebbe pensare al sapere come una mappa che i ragazzi esplorano ognuno partendo da dove vuole e facendo il percorso alla velocità che sceglie". 

Sarebbe anche ora che la tecnologia entrasse in modo significativo nel progetto educativo e didattico. Perché non immaginare una scuola dove la lezione i ragazzi la seguono da casa, al computer, e poi i compiti li fanno in classe con i professori. "Allora, fra vent'anni − conclude Baricco − se mai riusciremo a fare tutto questo, qualcuno rivedrà le Palladium Lectures e sarà come vedere i primi modelli di automobile del 1903. C'è tutto: il volante, le ruote… se invece le cose andranno avanti così, le Palladium Lectures e Totem continueranno ad essere visti come delle cose pazzesche, fenomeni ingiustificabili". 

Sogno di sedermi una sera d'inverno tra vent'anni accanto ai miei figli per fargli vedere il dvd di Baricco e di sentirmi dire: "Ma, mamma! Queste erano proprio cose dei tuoi tempi!". Forse anche la classifica Ocse sarebbe meno severa. In fondo, forse, basterebbero sei mesi per cambiare le cose. Perché non provarci?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.