BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Uscire a 18 anni: di sperimentazione si vive o si muore?

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Dai dati in mio possesso non pare che questa verifica sia destinata a sicuro successo per tutti i sei istituti.

Ed allora, forse, se si crede nelle sperimentazioni  e non nello sperimentalismo sarà il caso di fermarsi e discutere.

Ad  esempio di quadri orari e contenuti almeno.

In caso contrario ripeteremo l'esperienza tragica che mi è capitata due anni fa. Primo collegio dei docenti e una decisione da prendere per le quinte del vecchio ordinamento assurdamente interessate a tagli precipui dei nuovi percorsi: per far quadrare i nuovi conti dei vecchi quadri orario eliminiamo un'ora di diritto o un'ora di scienza delle finanze?

Si optò per la seconda e nel frattempo, in tv, giravano gli spot sul "parassita sociale" evasore fiscale.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
20/11/2013 - Già dai tempi della indimenticabile Gelmini? (Vincenzo Pascuzzi)

1) Certo è ben strana, ai limiti dell’assurdo e della follia, l’iniziativa di un ministro che dà priorità a scuole non statali nello sperimentare la riduzione della durata dei licei da 5 a 4 anni; 2) non è nemmeno da escludere che la vicenda sia stata messa in cantiere già dai tempi dell’indimenticabile ministro Gelmini & C., d’intesa amichevole con scuole private compiacenti e interessate; 3) ho riserve e dubbi personali sulla validità e attualità dei licei, ma essi costituiscono ancora l’architrave del nostro sistema scolastico. La riduzione da 5 a 4 anni li comprometterebbe sicuramente; 4) i tecnici e i professionali, che dovrebbero costituire alternative parimenti dignitose e valide ai licei, sono invece tenuti in situazione subordinata sia per motivi storici ed economici che per miopia ministeriale e governativa. Va notato che le persone che discutono, gestiscono, deliberano di questi tipi di scuola provengono in prevalenza dai licei, magari dal classico e hanno formazione umanistica.