BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCELTA CIVICA/ Il programma sulla scuola della Lista Monti. Ecco il testo integrale

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Tra le priorità del programma di Scelta civica, figura anche l’educazione. Secondo la lista capeggiata da Mario Monti, senza adeguati percorsi formativi, i giovani sono destinati a non riuscire a collocarsi in maniera strutturale e permanente nel mercato del lavoro, né a trovare impieghi all’altezza delle proprie esigenze. Un problema che non riguarda solo i tanti non laureati, ma anche chi, al termine degli studi superiori, non ha in mano strumenti e qualifiche idonee a gettarsi nel mondo dell’occupazione. Secondo scelta civica, per far fronte alle nuove sfide, occorrerà agire in maniera radicale sul sistema italiano. Iniziando a dotare il sistema educativo (dalla scuola elementare fino all’università) di 8 miliardi di euro aggiuntivi. A questo,si dovranno affiancare una serie di misure drastiche quali quelle volte a ridisegnare lo status degli insegnanti, allo scopo di valorizzarne la professionalità. Molti e altri interventi dovranno riguardare il diritto allo studio, l’edilizia scolastica, e la formazione permanente. Di seguito, il testo integrale del programma di scelta civica.

Il grado di civiltà di un Paese si misura dal livello del suo sistema di istruzione e formazione. 

Solo mettendo l’educazione al centro dell’agenda politica è possibile far ripartire oggi l’Italia di domani. I ragazzi che non studiano, non lavorano e non sono in cerca di un’occupazione lo chiedono con urgenza. 

Tra loro non ci sono solo il 18,8 per cento dei ragazzi che escono dalla scuola senza una qualifica professionale o un diploma, ma anche coloro che al termine del percorso formativo non sono riusciti ad acquisire gli strumenti necessari per inserirsi in modo efficace nel mondo del lavoro, o quei giovani che, pur avendo un’ottima preparazione e conseguito risultati eccellenti, sono costretti ad andare all’estero per assicurarsi un futuro. 

Un sistema di istruzione e formazione di qualità deve avere come priorità inclusione, merito, flessibilità, personalizzazione dei percorsi, respiro internazionale, raccordo efficace con il mondo universitario e con quello del lavoro. L’obiettivo è che ogni famiglia italiana, ovunque abiti, di qualunque estrazione sociale sia, possa avere una scuola e una formazione di qualità per i propri figli. 

Bisogna invertire la tendenza a disinvestire nella scuola. Per questo Scelta Civica propone di arrestare e invertire il trend di diminuzione della spesa per l’educazione (Scuola, Formazione, Università e Ricerca), facendo gradualmente crescere gli investimenti in educazione ad un ritmo pari a quello della crescita del PIL. 



  PAG. SUCC. >