BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCELTA CIVICA/ Il programma sulla scuola della Lista Monti. Ecco il testo integrale

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

 4. Sostegno alle famiglie e diritto allo studio 

Le famiglie devono essere sostenute nel loro compito educativo. Se una famiglia spende per l'educazione dei figli deve essere aiutata, perché si tratta di un investimento per tutto il Paese. 

Ci impegniamo a: 

• promuovere una politica fiscale che consenta di dedurre progressivamente le spese certificate in istruzione, come le rette per le scuole paritarie ed i contributi versati per la scuola statale; 

• sostenere la possibilità effettiva di scelta educativa per le famiglie meno abbienti che non sono nelle condizioni di dedurre le spese in istruzione; 

• garantire un diritto allo studio non solo a partire dall’università ma dall’inizio del percorso di istruzione e formazione, aiutando i meritevoli non abbienti a proseguire al meglio gli studi, allo scopo di restituire alle istituzioni scolastiche e formative la funzione fondamentale di leva per la mobilità sociale; 

• riconoscere il credito d’imposta per chi mette a disposizione borse di studio in favore degli studenti; 

• garantire un fondo ad hoc per alunni disabili a carico del Ministero del Welfare, per un sostegno alla persona nel rispetto della libertà di scelta delle famiglie. 

PER SCELTA CIVICA CI SONO QUATTRO PRIORITÀ 

I) Aumentare i livelli di apprendimento degli studenti e diminuire la variabilità dei risultati tra le scuole 

  • Colmare il divario rispetto agli standard internazionali che cresce nel corso del ciclo di studi. 
  • Combattere la varianza tra scuole che si realizza sui livelli di apprendimento degli studenti anche a partire dal primo ciclo.
  • Dare più autonomia alla scuola secondaria di primo grado (scuola media) nella organizzazione dei percorsi di studio per favorirne l’opzionalità e la personalizzazione. Lo scopo è aiutare gli studenti a proseguire gli studi prevenendo la dispersione scolastica e formativa.
  • Utilizzare tutte le potenzialità delle nuove tecnologie per rinnovare gli ambienti di apprendimento. 

 II) Potenziamento dell’istruzione tecnica e professionale, orientamento al lavoro e mobilità studentesca 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >