BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Risvegliare l'amore per le cose: la "lezione" di María Zambrano

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Maria Zambrano (Immagine d'archivio)  Maria Zambrano (Immagine d'archivio)

Il dramma da scongiurare, scolasticamente parlando, è forse quello della solitudine: la solitudine dei professori, e quella degli studenti, gli uni e gli altri costretti a stare sempre all’erta e sulla difensiva, condannati alla tutela delle proprie posizioni, e perciò reclusi in un ruolo che accieca, impedendo la percezione effettiva di quanto sta avvenendo. Se, come è stato dimostrato, non essere ascoltati è l’umiliazione più terribile per un essere umano, in tal modo abbandonato e rifiutato, si intuisce la sensazione di scoramento che, nelle aule, dilaga quando la convivenza diventa impossibile, quando l’incomprensione reciproca rende impraticabile il confronto, e l’insegnamento si trasforma in imposizione. «Allora – dice María Zambrano – è la morte».

Ma, evocato simile sfondo, proprio gli scritti di María Zambrano, quand’anche letti antologicamente o consultati in maniera rabdomantica, forniscono originali stimoli per tornare a riflettere sul significato autentico dell’esperienza educativa, quale momento privilegiato d’incontro con un metodo di conoscenza, con uno stile di vita che dovrebbero condurre l’uomo alla scoperta, o verifica, del proprio destino. Si prenda, come punto di partenza, la diagnosi formulata in un saggio del 1943, La guida, forma del pensiero: dove è stabilito che la debolezza d’animo dilagante – tra i giovani, e non solo – deriva non da un mero deficit cognitivo, bensì dal divorzio, progressivamente consumatosi, tra il sapere e la vita, tra la scuola e la realtà, tra lo studio e l’esperienza. Nella perplessità o nell’inerzia (spesso solo apparente) dei discenti vibra il turbamento di chi si trova al cospetto di una proposta avvertita come sterile, che non commuove e non penetra più l’esistente. La cura – rimarcava María Zambrano, oltre mezzo secolo fa – non può però essere il richiamo al dovere, l’imposizione astratta di una tecnica, la minaccia della sanzione: ciò di cui, all’opposto, il giovane ha bisogno, per decidersi, è una visione che lo invogli e gli tolga il timore di muoversi, che lo rincuori provocando la sua libertà.

Che cosa allora, in quest’ottica, uno studente dovrebbe vedere? In Verso un sapere dell’anima (1950) si auspicano maestri per vocazione capaci, coniugando insieme amore e conoscenza, di testimoniare non tanto la pienezza sterile delle proprie certezze, da cui nulla può germogliare, quanto la propria ignoranza, che, quotidianamente risvegliandosi dall’oblio, concepisce l’esercizio vitale dell’apprendere e del raccontare come esperienza di condivisione e responsabilità. «Conoscere la vita – scrive María Zambrano in L’uomo e il divino (1953) – in nome della vita obbliga a esplorare la sua totalità, a non indietreggiare davanti a niente», senza il timore del patimento, della sofferenza che ogni apertura comporta (del maestro verso gli allievi, e di questi nei confronti della loro “guida”, nonché di tutti riguardo a ciò che sempre si ignora). 



  PAG. SUCC. >