BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ "Addio" Stato, è l'ora delle Regioni?

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Inoltre, la presenza di alunni di cittadinanza non italiana è un fenomeno che, pur riguardando in misura sempre più significativa tutto il paese, è particolarmente rilevante in Lombardia, dove gli alunni stranieri sono oltre il 14%, con punte di oltre il 20% in alcune Province.  

Particolare menzione merita pure l’analisi degli apprendimenti medi degli studenti; osservando i dati (su base regionale) restituiti da Invalsi sulle prove per l’anno 2011-12, si osserva come le scuole lombarde ottengano performances mediamente più elevate della media italiana per ogni ordine scolastico – con punteggi talvolta anche più alti di quelli dell’area del Nord-Ovest. 

L’attività di ricerca preliminare ha evidenziato come la problematica principale risiedesse nella mancanza di un dataset strutturato a livello di istituzione scolastica, in grado di consentire uno studio comparativo a livello regionale. Le informazioni rilevanti, infatti, sono raccolte ed archiviate separatamente dai vari soggetti istituzionali che interagiscono con le singole istituzioni scolastiche (Miur, Invalsi, Usrl). Pertanto, lo sforzo principale della prima fase di ricerca si è concentrato nella costruzione di un tale dataset, dalle caratteristiche fortemente innovative, in quanto raccoglie e sistematizza i dati sulle caratteristiche e sugli apprendimenti di tutte le istituzioni scolastiche lombarde, al fine di sviluppare una metodologia da replicare negli anni scolastici successivi. Tale dataset è stato poi reso disponibile per analisi di secondo livello (realizzate con appropriate tecniche statistiche ed econometriche) ai ricercatori del gruppo di lavoro che ha condotto l’analisi. 

I risultati della ricerca possono essere sinteticamente riassunti in tre aspetti principali. 

In primo luogo, si è evidenziata l’assoluta necessità di disporre di un sistema di rilevazione ed analisi dei dati stabile, robusto e adeguatamente manutenuto. La mancanza di un dataset omogeneo (a livello di singola istituzione scolastica) impedisce qualunque riflessione a supporto delle policy, che non possono, quindi, che finire per essere orientate più ad idee che ad evidenze empiriche. I sistemi scolastici più avanzati del mondo hanno a disposizione database molto sofisticati non solo a livello di scuola, ma anche di singolo studente, con un grado di dettaglio molto fine e un’ottica longitudinale. Invalsi ha avviato un percorso per creare basi di dati di questo tipo, ma si tratta di un’esperienza ancora molto preliminare, e comunque ancora parzialmente slegata dai dati amministrativi raccolti periodicamente dalle amministrazioni interessate. Il lavoro realizzato nell’ambito del progetto “Rapporto sulla scuola in Lombardia” costituisce un primo passo verso la definizione di standard di raccolta ed elaborazione dati più coerente con le finalità di un sistema di valutazione delle prestazioni scolastiche.  



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >