BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Un prof: caro Ministro, per scegliere bene l'università le informazioni non bastano

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

Caro direttore,
il ministro Profumo lancia l'allarme sull'orientamento, facendo presente che il 20 per cento degli studenti al primo anno si accorge di aver sbagliato scelta universitaria e che il 40per cento, alla fine del percorso, dice che non avrebbe scelto la facoltà frequentata.

La conseguenza che il ministro Profumo trae da questa preoccupante situazione è che le università sono deboli nel dare informazioni, e che è precisamente a questo livello che occorre prendere l'iniziativa, potenziando l'orientamento, dunque con un surplus di informazioni più precise e definite.

Ora, le informazioni sono certamente utili; occorre però anche notare che ciò su cui si sono impegnate le università in questi anni sono proprio le informazioni: gli atenei hanno bombardato gli studenti delle scuole superiori di informazioni, e sempre più specifiche, sempre più nel dettaglio. I dati preoccupanti che il ministro fornisce dovrebbero allora portare ad una riflessione seria sull'orientamento, una riflessione che parta proprio da questa semplice constatazione: in questi anni l'impegno a dare informazioni è stato inequivocabile, eppure questo non ha impedito a tanti studenti e studentesse di sbagliare scelta. Possiamo a questo punto chiederci: come mai? Come mai le informazioni non bastano per fare la scelta giusta? Come mai si possono avere a disposizioni tante e precise informazioni e si può finire con il commettere errori su errori?

La questione è semplice: scegliere la facoltà universitaria non dipende solo dai ragguagli che si hanno. E non è nemmeno un meccanismo per cui, dati l'interesse e la capacità, risulti la facoltà cui iscriversi. Scegliere una facoltà universitaria è un passo di maturità, è mettere in gioco la propria vita, il proprio futuro, la stima che si ha di sé, nella prospettiva di lasciare un segno dentro la realtà. Per questo il problema non è solo di avere informazioni, ma anche e soprattutto di chiarire quali siano i criteri in forza dei quali scegliere; che cosa un giovane d'oggi possa mettere in campo e che lo faccia crescere, lo faccia diventare uomo.

La realtà è che ciò su cui sono deboli oggi scuole superiori e università a riguardo dell'orientamento non sono le informazioni: la debolezza sta nel non accompagnare i giovani nella scelta, e il primo modo di accompagnare un giovane nella scelta è aiutarlo a capire chi è, che valore ha la sua vita, che importanza ha la sua umanità. La domanda da cui parte un processo di orientamento non è: che cosa debbo o posso fare, ma: io chi sono? E' questa domanda che manca in tutti i progetti di orientamento, ed è perché manca questa domanda che si va incontro ad errori spesso fatali.



  PAG. SUCC. >