BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

SCUOLA/ Riuscirà Don Chisciotte a ricostruire un italiano in "pezzi"?

Per GIULIANA ZANELLO, dello sviluppo di ciò che gli è stato insegnato ciascuno è responsabile personalmente. Senza questo atteggiamento non c’è mezzo che scongiuri l’analfabetismo di ritorno

InfoPhotoInfoPhoto

Seconda parte dell’articolo di Giuliana Zanello. Leggi qui la prima parte.

Forse sì. Prima di tutto, può cercare di far capire quanto detto sopra: della manutenzione di ciò che gli è stato insegnato ciascuno è responsabile personalmente. Se non si matura questo atteggiamento fondamentale, non c’è mezzo che scongiuri l’analfabetismo di ritorno. 

Deve essere chiaro che non si ricomincia da capo: il compito di riattivare le conoscenze deve essere con chiarezza consegnato all’allievo, pur dentro un rapporto di sostegno attento.

Naturalmente l’abitudine mentale a considerarsi compito di qualcun altro non si sconfigge all’istante, tuttavia in molti casi la capacità di cambiamento dimostrata da allievi così interpellati può essere sorprendente.

Poi i contenuti. La battaglia comincia non di rado già nei documenti prodotti dalle scuole (un giro tra i siti può essere istruttivo), nei quali i contenuti sono concettualmente subordinati e anche graficamente emarginati fino a sparire sotto una mostruosa proliferazione di didattichese. 

Qui gli esiti non sono affatto sicuri: non sappiamo più che cosa sia necessario trasmettere ai giovani, che cosa sia buono, che cosa sia bello, e questo è un fatto. L’assenza di gerarchia tra il centesimo messaggio insignificante dell’amico e un testo carico di gloria e di millenni è nella testa degli adulti, prima che in quella dei ragazzi. Tuttavia è bene combattere, anche se probabilmente si perderà, così che quella gerarchia resti viva e si tempri nella mente e nel cuore dell’insegnante.

Oggi l’insegnante di italiano non può aspettarsi sostegni esterni: l’abitudine a pensare al patrimonio culturale solo in termini funzionali, da padroni e non da discepoli, e insieme la sconfortante mancanza di immaginazione per cui non ci si ferma mai un momento a pensare se un mondo in cui tale patrimonio fosse scomparso del tutto dalle coscienze sarebbe migliore o peggiore, lo hanno lasciato del tutto solo.

Solo, con l’intima convinzione del valore di ciò che propone, che può bastare a dargli la paziente determinazione di pretendere dagli allievi che ascoltino e studino. Che riassumano, a voce e per iscritto, con il testo davanti o dopo averne ascoltato la lettura; che eseguano parafrasi; che accettino di scommettere su un romanzo o una poesia fino a scoprire che significa qualcosa, qualcosa di eventualmente più interessante dell’immenso chiacchiericcio mediatico, del mare di non-testi con cui trituriamo le nostre ore.

Ma certo si tratta di questioni complicate. A ogni passo si aprono nuovi problemi. L’insegnante del biennio delle superiori deve far leggere solo letteratura? Più che altro letteratura? Almeno un po’ di letteratura? Meno letteratura possibile? La letteratura è un linguaggio speciale, un settore del sapere (si può dire così?) di cui si è in passato esagerata l’importanza, inutile e inutilmente complicato, oltre che ambiguo (non solo sul piano linguistico, ma anche ideologico) nei messaggi?