BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Arriva il Regolamento. E Profumo risponde all'Europa

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Tuttavia è un segnale per tutti l’idea che un “miglioramento” sia necessario, che senza dati oggettivi navighiamo a vista, che qualcuno possa cominciare a muoversi sulla base dei dati, che i nessi di causa-effetto valgono anche nelle società liquide come la nostra (per esempio che a cattiva qualità della formazione corrisponda cattiva qualità delle risorse umane, poniamo, o che se non si studia si prende 4, o che chi ruba paga, o che chi non ha niente da proporre sta zitto). Si sa che la stessa esistenza di sistemi di valutazione ha effetti positivi (per questo esistono i sistemi di controllo). La presenza di un sistema in cui le scuole si confrontano fra loro e con un benchmark esterno, che si interrogano su quali azioni possono intraprendere da subito (senza aspettare cambiamenti epocali) è una iniezione di realtà.

Del Regolamento, che è stato in gestazione per diversi mesi, abbiamo già parlato altre volte su queste colonne. Nel frattempo ha preso il via il progetto Vales, un prototipo dell’applicazione del sistema tripartito a un gruppo sperimentale di 300 scuole, finanziate e appoggiate da personale esterno. È interessante il fatto che altre 300 scuole volontarie, delle 1000 partecipanti al bando, che non erano state selezionate per la sperimentazione, per non rimanere fuori dall’esperienza si sono autocandidate a provare il modello Vales a loro spese. Il modello prevede un sistema di indicatori e di strumenti di rilevazione che le scuole possono utilizzare per avviare processi “virtuosi”. Inoltre, anche gli 850 dirigenti scolastici di nuova nomina utilizzeranno gli stessi strumenti e consegneranno entro la fine di questo anno scolastico il primo “rapporto di autovalutazione” sulla propria scuola.

Stante la positività generale del processo avviato, l’importante ora è non perdersi nei dettagli (i protocolli, i moduli, gli indicatori, i “chi-fa-cosa” di ogni progetto, i numeri del Fascicolo Scuola in chiaro, le tabelle e i grafici dell’Invalsi) e non perdere di vista lo scopo: migliorare le “risorse umane” che la scuola produce al fine di dare all’Italia un segnale anche se parziale di ripresa. Se le scuole si lasceranno guidare dalle evidenze rispecchiate dal confronto esterno e metteranno mano a quel che può essere cambiato nella direzione dell’efficacia, la scuola ne guadagnerà, e l’Italia ne guadagnerà. Le consorterie in difesa dello status quo oggi sono particolarmente irresponsabili: è una opzione richiesta dai fatti lavorare per togliere la ruggine ai meccanismi inceppati.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
09/03/2013 - L’Invalsi come il tribunale dell’Inquisizione? (Vincenzo Pascuzzi)

1) Le critiche sul decreto abbondano in rete; 2) Citazione: “Un C.d.M. dimissionario e scaduto, guidato da un presidente del Consiglio mai eletto, tecnico e leader di un partito bocciato dagli elettori, ha ritenuto di procedere all'approvazione di un provvedimento che non aveva nessun carattere d'urgenza” (Giuseppe Aragno,8.3.13); 3) Ancora: “Vorrei sommessamente far presente che la scuola per anni è vissuta senza valutazione ed ha funzionato benissimo. Avevamo una scuola elementare d’eccellenza e il suo predecessore Gelmini l’ha rovinata cancellando i moduli e le compresenze” (Eugenio Tipaldi, 6.3.13); 4) Come un Labrador Retriever, Cisl riporta al governo la sua approvazione e segnala che “non c'è un sostegno adeguato in termini di risorse, senza le quali il sistema non può funzionare”; tranquilla Cisl, i soldi si troveranno! 5) Il Miur subappalta il SNV all’Invalsi, che diventa concessionario unico e potrebbe operare in ambito scolastico come già l’Inquisizione per l’ortodossia cattolica; 6) E “Oggi in Occidente nessun sistema complesso può essere governato dall’alto imponendo ordine in modo direttivo. I popoli e le società, la SCUOLA e il mondo dell’educazione, le famiglie de iure e quelle solo de facto, persino le aziende più innovative mettono in discussione il modello tradizionale di leadership. Ma è soprattutto la mente (“il foro interiore”, come si dice in teologia morale) a non poter più essere governata dal principio di autorità” (Vito Mancuso,“La Chiesa si apra”, 9.3.13).