BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Insegnanti picchiano un disabile: cosa c'è in quelle teste?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

InfoPhoto  InfoPhoto

Temple Grandin, famosa persona autistica americana e docente di zoologia in università americane (gli autistici e i disabili non sono infatti − come la maggior parte delle persone credono, alcuni insegnanti compresi − dei deficienti, ma persone che hanno diverse forme di intelligenza dalla nostra che richiede d’essere conosciuta e annessa all’umana varietà) ha scritto un libro dal titolo “La macchina degli abbracci” che invito tutti a leggere. 

In questo libro spiega che quando andava in crisi dissociativa e di terrore senza nome, si rifugiava in un luogo stretto che fungesse da abbraccio e la contenesse fisicamente e questo la aiutava a calmarsi: probabilmente il terrore periodico cui andava incontro era quello psicotico della perdita dei confini, quasi un perdere la pelle che ci separa dal mondo e impedisce ad esso di invaderci, nullificandoci. Invece di abbracci, il ragazzo di Barabiano ha ricevuto percosse, che rappresentano il simbolo più perverso e al contempo impotente del comportamento umano invadente, simbolo di guerra e morte. 

Ma poiché nelle varie circostanze della vita, dinanzi ad una frustrazione personale e professionale isolata o ripetuta, tutti possiamo essere violenti o subire violenza, dobbiamo imparare ad esserne maggiormente consapevoli e imparare a comprendere quanto questi comportamenti possono essere sempre devastanti.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.