BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Zanon: la parità non può morire a causa del referendum "giacobino" di Bologna

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

InfoPhoto  InfoPhoto

Quella legge (che porta la firma dall’allora ministro della Pubblica istruzione, Luigi Berlinguer, ndr) dice chiaramente che il sistema nazionale di istruzione è complesso, «costituito dalle scuole statali e dalle scuole paritarie private e degli enti locali». Un servizio pubblico non è necessariamente in mano allo Stato: un conto è la funzione, un conto la natura giuridica di chi eroga il servizio. Ebbene, la cosa incredibile è che ancora si debba spiegare che pubblico non è sinonimo di statale. È l’idea per cui pluralismo e sussidiarietà sono termini insensati e coprono interessi di parte.

Una sua valutazione politica?
A Bologna si sta consumando uno scontro politico e culturale molto grave. Esso dimostra che a sinistra, anche quando si faccia una scelta lungimirante come quella del Pd di difendere la convenzione, quando si arriva al dunque c’è ancora chi obbedisce al richiamo della foresta di visioni ideologiche astrattamente egualitarie. Non è bene, per l’eredità storica e il futuro politico di questo paese, che esse abbiano la meglio.

(Federico Ferraù)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.