BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Pubblica, statale, privata: la Costituzione alla prova

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

InfoPhoto  InfoPhoto

L’oggetto del referendum bolognese, che riguarda il modello di organizzazione della scuola di infanzia nel territorio comunale, pone all’attenzione non sono un problema economico, ma anche, e soprattutto, un modello di concezione e di garanzia di quali sono i diritti che la nostra Costituzione ritiene come inviolabili e per i quali, l’intera collettività, deve intervenire (economicamente e culturalmente) affinché questi diritti possano essere affermati.

Può apparire fuori luogo parlare di diritto all’istruzione per una scuola che non è dell’obbligo, ma al contempo sarebbe erroneo non parlare di istruzione quando parliamo di bambini che nella loro età primordiale non possono accedere al livello scolastico per mancanza di scuole, di posti e di fondi. La discussione (quella vista anche a Servizio Pubblico o in altri talk show locali) sta degenerando (spesso) in una battaglia che è ottocentesca: la divisione tra pubblico e privato, laddove al concetto di pubblico è associato quello di statale (di ente pubblico) e al concetto di privato quello di selettivo, di parziale, di privatistico.

È  proprio da questa divisione (non solo errata, ma anche anacronistica) che dobbiamo cercare di allontanarci per non rimanere impantanati in discussioni ideologiche che poco hanno contribuito allo sviluppo della coscienza collettiva e nazionale di questo Paese.

È ormai dagli inizi degli anni 90 che l’aggettivo pubblico non può più essere appiattito sul concetto di ente pubblico: appiattire l’aggettivo pubblico sull’ente pubblico (statale o comunale) significa ridurne il valore; come se, in società dove manca un’organizzazione pubblica forte, non ci sia il bisogno e la necessità (del popolo) di affermare i diritti pubblici.

Lo Stato come ente pubblico è nato per affermare questi diritti, per renderli esigibili in ogni angolo del suo territorio (Nord/Sud) e per renderli accessibili a tutte le fasce sociali.

Lo Stato (nelle sue articolazioni anche territoriali), come entità collettiva organizzata tramite il diritto, ha come mission principale quella di garantire libertà ed eguaglianza a tutti coloro che compongono la sua base (la collettività). Nel corso del tempo la funzione di garanzia di cui lo Stato è incaricato è stata fatta coincidere con quella di erogatore dei servizi per i quali lo Stato stesso era garante.

Al diritto all’istruzione (compito dell’ente pubblico) si è associata la scuola pubblica (nel senso di ente), al diritto alla salute si è associato quello di ospedale pubblico (nel senso di ente), e così via. Ma a guardare la storia dei diritti, si vede bene che non è stato lo Stato (passatemi l’involontario gioco di parole) l’ente promotore dei servizi: i servizi venivano offerti da confraternite religiose, da organizzazioni laiche, da comunità familiari o di vicinato, e per i quali lo Stato si è impegnato a diffonderli, a renderli conoscibili ai più.

Quelle prestazioni (scolastiche, sanitarie, di cura) non sono diventate pubbliche mediante l’intervento dello Stato, quelle prestazioni erano già pubbliche: erano pubbliche in quanto avevano un orizzonte diffusivo, un accesso possibile a tutti in quanto cittadini di quel territorio.



  PAG. SUCC. >