BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Il prof: meno compiti e più vacanze, ma non per stare su internet

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

InfoPhoto  InfoPhoto

Non c'è di che! Io pensavo che il geniale pediatra volesse suggerire agli insegnanti e ai genitori di fare un passo indietro rispetto agli studenti e ai figli perché loro potessero fare esperienza di rapporto con la realtà, con la natura, con una città, con un libro. Niente di tutto questo, meno compiti per poter andare più su internet. Una bella scoperta, non c'è di che!

Prendiamo il consiglio di Farnetani per il positivo che ha, perché introduce un fattore che è decisivo per le vacanze, è la domanda di che valore abbia questo tempo. È un tempo che bisogna riempire? Per cui se è questo, fanno bene i professori a dare più compiti possibile e i genitori faranno da controllori perché siano svolti questi onerosi, sempre più onerosi compiti! Oppure altro è il valore delle vacanze? È un tempo di libertà? Libertà come possibilità di gustarsi la realtà, di salire su una montagna, di farsi una nuotata dentro un mare più limpido che mai, di avventurarsi in una città, di leggersi un libro, di conoscere nuovi amici? Questo è il valore del tempo delle vacanze, un tempo di libertà!



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.