BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA’ 2013/ Svolgimento delle tracce della prima prova degli esami di Stato: 1 studente su 4 non lascerà copiare

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

La data di inizio dell'esame di Maturità 2013 è sempre più vicina. E nonostante secondo le più recenti indagini in merito, siano le prove orali a terrorizzare davvero i candidati agli esami di Stato, lo scritto della prima prova ha sempre il fascino particolare del vero e proprio "battesimo del fuoco". E così come in amore e in guerra, anche gli svolgimenti delle tracce della prima prova dell'esame di maturità è oggetto della discordia in grado di incrinare anche amicizie pluriennali. In certe occasioni, infatti, lo spirito di sopravvivenza prende ferocemente il sopravvento e, contestualmente, scatena un egoismo impensabile fino a pochi minuti prima. Secondo una ricerca condotta dal portale Skuola.net, se durante il corso dell’anno la solidarietà tra studenti è un dato assodato, e si dà per scontato che passare il compito al vicino di banco sia giusto e doveroso, durante la maturità la psiche si trasforma. E molti studenti diventano come quei pochi colleghi secchioni che, anche durante l’anno, non hanno mai passato le risposte giuste a un compito in classe. In sostanza, uno studente su quattro, nel corso delle prove scritte dell’esame di Stato, non passerà il compito a nessuno, sia questo lo svolgimento delle tracce della prima prova o la famigerata seconda prova (la versione o la prova di matematica per i licei), considerando la pratica troppo rischiosa. Nell’eventualità di essere scoperti, infatti, la pena da pagare è l’annullamento della prova, con conseguenze disastrose sull'esito del proprio esame di maturità. E, se gli indecisi, che si regoleranno di volta in vota ammonteranno al 38 per cento, la percentuale dei generosi, disposti sempre e comunque a dare una mano, si attesterà sul 28 per cento. Niente di nuovo, considerando che le rilevazioni degli anni scorsi indicano un trend del tutto analogo. Durante il resto dell’anno, invece, sono circa la metà gli studenti dell’ultimo anno che non si fanno problemi a lasciar copiare i propri compagni.



© Riproduzione Riservata.