BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

MATURITA' 2013/ Diretta Esami di stato, prima prova: i titoli e lo svolgimento di tutte le tracce ufficiali

La prima prova degli esami di maturità 2013 apre oggi mercoledì 19 giugno gli esami di Stato. 491.491 gli studenti interessati, scatta la caccia alla traccia ufficiale, ma si troverà?

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Luca Manes ha svolto per IlSussidiario.net la traccia d'esame di ambito artistico-letterario (Tipologia B) che il ministero ha dedicato al tema "Individuo e società di massa". "E' proprio l’antonimia tra protagonista, ovvero singolo, individuo, e coro ad emergere come carattere fondante della civiltà consumistica - scrive Manes in un passaggio -. Il coro non è più la comunità e la comunione delle voci riunite nel medesimo destino, nella medesima necessità di rinuncia alla libertà. Non vi è neanche più, per questo, alcuna traccia del tragico. E, forse, la tragedia, oggi, non è neanche possibile, poiché l’interrogativo intorno al destino, e dunque qualsiasi condivisione di esso, viene taciuto, o è stato taciuto, celato dietro il sipario della realtà". 

Conclusa la prima prova di questi esami di maturità 2013, ecco gli svolgimenti di tutte le tracce che sono state proposte questa mattina agli oltre 500mila maturandi in tutta Italia. In attesa della seconda prova, in programma domani, è possibile consultare le tracce svolte e pubblicate su queste colonne.

Emmanuele Massagli ha svolto per IlSussidiario.net la traccia d'esame di ambito socio-economico su Stato, mercato e democrazia. Pochi argomenti, scrive Massagli nella premessa, hanno potuto vantare nella storia recente la fortuna letteraria che sta avendo la crisi economica. Complice il nefasto (e inaspettato) perdurare di questa inedita, per estensione geografica e temporale, condizione recessiva, le riflessioni giornalistiche, le analisi scientifiche, i dibattiti politici sulle cause e i possibili provvedimenti di contrasto sono ormai innumerevoli in tutto il mondo. In buona parte si tratta di considerazioni simili e ripetute; l’enorme quantità di opinioni rende difficile discernere ciò che è più scientifico e fondato. È però necessario comprendere le ragioni profonde di questa situazione, perché le soluzioni non siano teoriche e i tanti dati raccolti diventino informazioni utili per il futuro.

Mario Gargantini ha svolto per IlSussidiario.net la traccia d'esame di Tipologia B, ambito tecnico-scientifico, intitolata "La ricerca scommette sul cervello". La ricerca sulle neuroscienze, spiega Gargantini, sta vivendo una fase di crescita impressionante. Dagli anni 90 del secolo scorso, definiti come “il decennio del cervello”, si sono moltiplicate le scoperte, le pubblicazioni, le iniziative; sono stati allestiti nuovi centri e laboratori; sono nate numerose sotto-discipline a carattere neurobiologico; e anche il mondo industriale si sta interessando ai possibili sviluppi applicativi. Un vero boom, che ormai ha varcato i confini degli addetti ai lavori per entrare nelle cronache e inserirsi, più o meno correttamente, nell’immaginario collettivo.

Il tema che ha riscosso il maggior gradimento degli studenti, secondo un sondaggio fatto su un campione di 461 scuole, sarebbe quello di ambientazione tecnico-scientifica. "La ricerca scommette sul cervello" infatti sarebbe stato scelto dal 21,8% degli studenti. A seguire la traccia di ambito artistico-letterario "Individuo e società di massa", svolto dal 20,3% dei candidati. Quindi la traccia di ambito socio-economico "Stato, mercato e democrazia", scelta dal 16,3%. Per l'analisi del testo, dell'autore Claudio Magris, con "L' infinito viaggiare" solo il 15,3%. Il tema storico-politico "Gli omicidi politici" ha avuto il 14,0% delle preferenze mentre il tema di carattere generale "La rete della vita" l'11,0%). Il tema di argomento storico sui Paesi emergenti, Brics è stato quello scelto di meno, solo l'1,3%.

"Il testo di Claudio Magris, tratto dalla Prefazione del suo libro L’infinito viaggiare, si configura come una riflessione personale dell’autore sul tema del viaggio; per il suo carattere di riflessione quasi confidenziale, è un brano difficilmente riassumibile. Tuttavia vi sono nel testo, e sono facilmente individuabili, alcuni punti attorno cui si snoda il discorso dell’autore". Così Maria Chiara Gomaraschi inizia l'analisi del testo, svolta per IlSussidiario.net, che questa mattina hanno dovuto affrontare i maturandi.

Lorenzo Roesel ha svolto per IlSussidiario.net la traccia di ambito storico (Tipologia C): il tema di storia scelto quest'anno dal ministero dell'Istruzione e proposto questa mattina a 500mila studenti in Italia riguarda la situazione dei Paesi in via di sviluppo, i cosiddetti "Brics" (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), tutti caratterizzati da una forte espansione economica. .

La domanda che si è alzata spontanea un po' in tutte le scuole italiane alla lettura delle tracce per la prova di italiano è stata: ma chi è Claudio Magris? Anche su twitter "Magris" è diventato trend topic. In molti si sono lamentati del fatto che lo scrittore non sia stato incluso nei programmi di studio e dunque era sconosciuto ai più. Arriva adesso il commento dello stesso Magris:  "Sono ovviamente onorato di questa scelta. Ora chiedo l'indulgenza degli studenti, e spero non mi maledicano mandandomi a quel paese". Dello scrittore triestino è stata proposta l'introduzione del suo libro L'infinito viaggiare come una delle tracce del tema di italiano da commentare.

Il ministero dell'Istruzione ha pubblicato sul proprio sito internet tutte le tracce d'esame ufficiali relative alla prima prova andata in scena oggi e che ha visto coinvolti oltre 500mila studenti in tutta Italia. Cliccando qui si accederà direttamente al documento pubblicato recentemente dal Miur

Il professor Valerio Capasa è intervenuto su queste colonne per commentare la scelta di Claudio Magris per l’analisi del testo alla maturità che, a suo giudicio, "ha qualcosa di apocalittico. Non per Magris, sia chiaro. Ma perché, azzardo un’interpretazione, la scelta di chi ha preparato la traccia non è caduta su Magris: Magris è semplicemente uno dei tanti scrittori viventi. E quel testo, buono a buttare lì luoghi comuni qualsiasi sui viaggi e le culture diverse, era interscambiabile con un passo di Dan Brown o di Moccia o di Saviano o diTwilight", scrive Capasa (clicca qui per leggere il suo commento).