BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SOLUZIONI SECONDA PROVA MATURITA' 2013/ Istituto Tecnico Commerciale, lo svolgimento del tema di Economia Aziendale

Pubblicazione:

Maturità 2013  Maturità 2013

SOLUZIONI SECONDA PROVA MATURITA' 2013: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE, LO SVOLGIMENTO DEL TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - Gli studenti degli Istituti Tecnici Commerciali (Ragioneria) quest'anno, per la seconda prova degli esami di maturità 2013, hanno affrontato il compito di economia aziendale, rispondendo a un quesito sulle startegie e la pianificazione aziendale. Ecco qui di seguito, le soluzioni offerte dagli “addetti ai lavori” del portale Studenti.it.

LE STRATEGIE AZIENDALI E LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

1) La strategia è un sistema di scelte relative alle risorse da impiegare e alle azioni da intraprendere affinché l’azienda possa raggiungere i proprio obiettivi di lungo termine.

2) Il vantaggio competitivo è la capacità dell’azienda di distinguersi dalle altre e di superarle nelle preferenze dei consumatori.

3) La pianificazione strategica è i processo con il quale si definiscono gli obiettivi di lungo termine dell’impresa e si elaborano le strategie che consentono di conseguire gli obiettivistessi.

4) Il processo di pianificazione strategica si concretizza nelle seguenti fasi: stabilire la missione dell’azienda; stabilire gli obiettivi di lungo termine (redditività, sviluppo, leadership, sociali, equilibrata struttura finanziaria); stabilire gli obiettivi di breve termine sono i traguardi intermedi che l’azienda vuole raggiungere.

5) L'analisi dell’ambiente esterno si concretizzano attraverso:  l’analisi dell’ambiente generale; l’analisi di mercato.

CLICCA QUI PER SEGUIRE LA DIRETTA DELLA SECONDA PROVA DEGLI ESAMI DI STATO 2013, I COMPITI DI MATEMATICA (E PNI), LATINO, LINGUA STRANIERA E PER GLI ISTITUTI TECNICI

6) La analisi dell’ambiente interno è relativa a: analisi della redditività del capitale; analisi della struttura dei costi; analisi della struttura finanziaria; analisi del portafoglio; analisi della struttura organizzativa; analisi dei punti di forza e dei punti di debolezza.

7) I fattori critici di successo sono le variabili su cui si può agire e che possono incidere in modo consistente sulla posizione competitiva dell’azienda.

8) La strategia si articola a tre differenti livelli: strategie di gruppo (di consolidamento e di sviluppo); strategie prodotto/mercato (in queste il problema prioritario è a chi indirizzare l’offerta e che cosa offrire; strategie funzionali, quelle cioè che hanno come obiettivo prioritario la massimizzazione della produttività delle risorse, a questo livello si parla di strategia finanziaria, di marketing, di produzione, di ricerca e sviluppo, delle relazioni industriali, del personale.

9) Per comunicare e condividere le strategie è necessario formalizzare il processo di pianificazione attraverso strumenti che consentano di tradurre in termini economici, finanziari e patrimoniali le strategie adottate.

10) I piani sono gli strumenti con cui si formalizza il processo di pianificazione (obiettivi, risorse, azioni; i piani generalmente ha valore compreso fra i tre e i cinque anni) ed essi possono essere: piani di funzione; piano aziendale; piano economico; piano patrimoniale; piano degli investimenti; piano finanziario.

La pianificazione di marketing opera a due livelli, strategico ed operativo. Il piano strategico di marketing definisce, tenendo conto dei vincoli imposti dalla “mission” e dalle compatibilità evidenziate dal business plan, la direzione verso cui si muoverà la politica commerciale dei prossimi anni, mentre il piano operativo si pone come obiettivo quello di raggiungere, anno dopo anno, obiettivi concreti, specifici e misurabili che siano in linea con le strategie definite. Nel piano strategico si potranno indicare generalmente quali mercati sono percepiti come più potenziali, quali linee di prodotto dovranno essere spinte con decisione e quali progressivamente abbandonate, quali segmenti di clientela andranno incrementati, con quali canali distributivi si dovranno ricercare accordi di partnership. A condizionare le scelte saranno gli obiettivi della proprietà, le disponibilità di tecnologia e risorse produttive, la situazione finanziaria e creditizia, l’evoluzione generale del mercato e della legislazione, l’eventuale apertura di nuovi mercati, la creazione di nuove linee di prodotto.



  PAG. SUCC. >