BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESAMI DI STATO/ Maturità 2013, versione di latino: Ministro, dove sono finite la storia e la poesia?

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Le narrazioni storiche non vengono mai scelte, come è stata eliminata la poesia (che pure a scuola si studia), che sarebbe interessante riproporre.

Sarebbe bello inoltre che i ragazzi potessero esercitarsi a pensare il latino come una lingua “viva”, proponendo anche autori della tarda latinità o del Medioevo, Dante, Petrarca, i testi rinascimentali, le poesie latine di Pascoli. Se pensiamo al fatto che il gesto storico più eclatante di quest’anno, la rinuncia al ministero petrino di Benedetto XVI, è stato comunicato in latino, possiamo pensare a questa lingua come fosse “morta”? 

Facciamo dei tentativi, affrontando almeno in classe autori diversi, non i soliti, per quanto magnifici, Cicerone e Seneca. 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.