BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIVERSITA'/ Benedetto (Anvur): ecco chi eccelle e chi no. E il nord "batte" il sud

Pubblicazione:

InfoPhoto  InfoPhoto

Era una scommesa complicata, il fatto che siamo riusciti a concluderla in tempo testimonia del fatto che tutti hanno dato un contributo prezioso, in primis gli enti che si sono sottoposti alla valutazione. I rettori hanno chiesto di avere valutazioni a livelli di dettaglio che noi non ci aspettavamo; per questo il loro incoraggiamento è stato prezioso. Mi preme dire che tutti i rapporti delle 14 aree e tutte le valutazioni sono state approvate all'unanimità da tutti i 450 esperti dei gruppi di valutazione.

Le critiche, specie quelle sui criteri di valutazione delle produzioni scientifiche come la bibliometria, hanno in qualche modo influito sul vostro lavoro?
C'è chi ci ha criticato sempre e comunque, su tutto, in un modo che dimostra una certa dose di preconcetto. Davvero un ente che svolge così tante attività come l'Anvur non riesce a farne nemmeno una che sia condivisibile? Sì, il punto sta nel fatto che abbiamo usato per molte aree scientifiche la valutazione bibliometrica. Ma questa è utilizzata nelle aree scientifiche da più di 30 anni, e il fatto che in Italia se ne sia fatto uno uso marginale dipende dal fatto che nel nostro paese non si è mai fatta valutazione. In ogni caso, i confronti effettuati tra i risultati della valutazione bibliometrica e quelli della valutazione peer review hanno dato un grado di correlazione molto elevato. 

Accoglierete le critiche?
Certamente. Noi siamo disponibilissimi, a fronte di critiche costruttive, a studiare tutti i miglioramenti possibili. Naturalmente un esercizio di valutazione di questa portata, fatto in due anni, non può essere esente da errori. Non credo però che questi ultimi compromettano i risultati finali. Da parte nostra mettiamo a disposizione della comunità scientifica tutti i dati, fino al livello del singolo foglio excel. Ma non possiamo rispondere di ciò che non dipende da noi…

A che cosa si riferisce?
Molto spesso le critiche sottintendono il fatto che non si vuole la valutazione. Migliorare e criticare la valutazione va bene, ma che questa si faccia è un bene per tutti.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.