BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Tutte le domande della filosofia si "incontrano" a Roma

Pubblicazione:

Raffaello, Scuola di Atene (1509-10) (Immagine d'archivio)  Raffaello, Scuola di Atene (1509-10) (Immagine d'archivio)

Fra pochi giorni terminano le vacanze. Docenti e allievi di tutta Italia dovranno confrontarsi ancora una volta con  l'inquietante domanda sul perché vale la pena rimettersi sui libri, preparare o ascoltare le lezioni quotidiane. Si può ricominciare con spirito già cinico e disilluso, oscillando tra il ricordo dei piaceri vacanzieri e il timore della crisi che avanza ovunque. Oppure si può seguire un'altra strada che consista nello spendersi per offrire occasioni di crescita intellettuale e umana ai propri allievi. L'associazione di insegnanti, ricercatori e professionisti Tokalon-Didattica per l'eccellenza, insieme a tanti docenti e allievi italiani di buona volontà, propende per questa seconda opzione e ha ideato una nuova iniziativa che rende coinvolgente e appassionante l'approccio all'imminente impegno scolastico.

Si tratta delle Romanae Disputationes, il primo concorso nazionale di filosofia per studenti liceali che coinvolge insieme allievi e docenti in un lavoro di ricerca filosofica. Le "disputazioni" sono finalizzate alla produzione di un elaborato scritto e/o di una originale presentazione multimediale da parte dei team di studenti partecipanti che verranno alla fine valutati e premiati dalla giuria del concorso, presieduta dal prof. Costantino Esposito.

La novità di questa iniziativa consiste nella collaborazione costante e di livello scientifico tra il mondo della scuola e il mondo universitario, con il supporto dei membri del comitato scientifico, composto da docenti universitari qualificati, che offriranno ai partecipanti tre lezioni accademiche sul tema del concorso. 

Tokalon, in collaborazione con Diesse e gli insegnanti della Bottega di filosofia, l'Istituto Luigi Sturzo, gli Istituti Sant'Orsola di Roma e Malpighi di Bologna e la casa editrice Loescher, ha ritenuto opportuno dar vita a questa iniziativa rivolta a gruppi di studenti affiancati da un docente referente, nella convinzione che la ricerca della verità sia più feconda e matura se condotta in un lavoro collegiale. D'altronde il metodo della miglior ricerca filosofica, universitaria e scientifica si fonda fin dalle origini greche e medievali sul quaerere veritatem in amicitia.

Il concorso Romanae Disputationes intende risvegliare l'interesse alla filosofia e sviluppare le capacità critiche e dialettiche degli studenti della scuola secondaria superiore attraverso un percorso di studio e di confronto, aperto a tutti gli orientamenti culturali, ponendo a tema le grandi domande che la filosofia offre all'uomo contemporaneo.

Attraverso le Romanae Disputationes si intende offrire una occasione per innovare il modo tradizionale di studiare filosofia, proponendo un approccio tematico e non soltanto storico. Si vuole inoltre favorire nei partecipanti lo sviluppo della capacità di sintesi e dell'esercizio della scrittura e della comunicazione filosofica e promuovere una conoscenza profonda e appassionata dei problemi filosofici.



  PAG. SUCC. >