BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FREE SCHOOLS/ Inghilterra, ecco come funziona la "vera" la libertà di educazione

Pubblicazione:

David Cameron. foto InfoPhoto  David Cameron. foto InfoPhoto

Non ci sono vincoli? 
Le scuole pubbliche devono attenersi al curriculum educativo nazionale, hanno poca libertà nel negoziare i salari degli insegnanti e sono ultimamente responsabili davanti al consiglio di amministrazione designato dall’autorità locale che nomina il Preside di ogni scuola. 


Come si fa a scegliere una scuola al posto di un’altra? Ci sono controlli? 
Fra le autorità locali e nelle scuole pubbliche esistono esempi di eccellenza e casi di cattivo funzionamento. Ogni scuola viene ispezionata almeno una volta ogni tre anni. Annualmente invece vengono resi pubblici i risultati dei test sostenuti da ciascun alunno di ogni scuola. Tramite una semplice ricerca sul sito del Ministero dell’Educazione ogni famiglia può venire a sapere quale scuola promette i migliori risultati per l’educazione dei propri figli. 


In questo modo però tutti opteranno per le scuole migliori, no? 
In effetti con questo sistema alcune scuole hanno tantissime richieste di ammissione mentre altre pochissime. Il risultato finale è che molte famiglie sono costrette a mandare i propri figli in scuole non di eccellenza. 


Come si pensa di ovviare a questa situazione? 
L’introduzione delle free schools è un tentativo di risolvere proprio questo problema. 


Come?
In pratica succede che gruppi di famiglie o enti religiosi o culturali, senza vincoli dell’autorità locale, sono liberi di aprire scuole nelle quali si fa pagare quello che si ritiene necessario per attrarre gli insegnanti più qualificati. E non essere preda della cosiddetta “Postocode lottery” (la lotteria del CAP, ndr). Ovvero, se vivi in una zona dove la scuola locale ha una cattiva reputazione hai pochissime chance di mandare i tuoi figli in un’altra scuola. A meno che tu non sia disposto a pagare cifre altissime per una scuola privata. 


Ci sono altri vantaggi? 
L’altra grande opportunità è che il Ministro dell’Educazione può usare il concetto giuridico di free school per togliere all’autorità locale il controllo di scuole con esiti fallimentari. 


Ci sono esempi? 
Il caso più eclatante si è verificato nella zona di Haringey, a nord di Londra dove tutte le scuole di zona, che hanno risultati pessimi e ben inferiori alla media nazionale, sono state tolte al controllo dell’autorità locale e trasformate in free schools. 


Chi se ne occuperà? 
Organizzazioni benefiche sono state invitate ad assumerne il controllo. 


Qualcuno si oppone? 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >