BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCUOLA/ Il papà oggi, questo grande assente

In risposta all'articolo di Antonello Vanni, un contributo per approfondire la figura paterna nel rapporto educativo. La riflessione di LORENZO ETTORRE

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Leggo con piacere dall’articolo di Antonello Vanni la centralità e l’importanza della figura paterna nell’educazione dei figli. Ritengo questo uno dei temi più significativi sui quali è doveroso dibattere, specie nella società che viviamo e contribuiamo a modellare così spesso traboccante di paternalismo ma povera di paternità. Ognuno di noi, d’altronde, non sarebbe la persona che è se non avesse avuto l’impronta – reversibile ma incancellabile – della figura paterna che il buon Dio ha riservato per lui. Basterebbe questo per capire che parliamo di qualcosa di grosso.

Chi è, dunque, il padre? Nella formazione personale e psicologica dell’individuo il padre è colui dal quale dipende – giorno dopo giorno, dal primo giorno – la figura non ancora autosufficiente del bambino o del giovane ragazzo. Il padre rappresenta, per il figlio, l’incarnazione incosciente di una totale dipendenza. Non saputa ma vissuta, non affermata ma esperita. Non è un caso che la Chiesa da duemila anni ci fa chiamare “Dio” con lo stesso nome con cui chiamiamo nostro papà: padre, appunto. Così come neppure è un caso che la nazione nella quale siamo nati – per un paradosso soltanto apparente – siamo abituati a chiamarla madre patria: quantunque al femminile, è il tema della paternità che torna centrale (anche perché siamo sempre stati, e ancora siamo, un popolo profondamente maschilista). Comunque lo si voglia intendere, il padre rappresenta la figura che spiega e dà corpo alle nostre origini. 

Nello stesso tempo, proprio per questo, il padre è anche la figura di riferimento ultima per il ragazzo, cioè colui al quale si risponde delle proprie azioni. Se esso è identificato in colui dal quale dipendiamo, è inevitabile che rappresenti al contempo anche il punto di riferimento e il termine di paragone con cui il ragazzo si confronta. “Dove vai?”, “con chi esci?”, “come è andata oggi a scuola?” sono solo alcuni piccoli esempi della legittimità che il genitore ha di chieder conto al figlio. 

Ne consegue che la figura paterna – in ogni contesto educativo, sia esso la famiglia o la scuola – ha una funzione non solo importante ma determinante per la formazione totale e completa dell’educando. Quando il bambino diventerà un adolescente e scoprirà che il padre, prima osannato, appare ora insufficiente a fornire ragioni adeguate sulle origini e lo scopo ultimo della sua esistenza, è comunque di nuovo alla figura del papà cui si accosterà per comprendere e vivere il rapporto con Dio. Il ragazzo, infatti, capirà cosa vuol dire il rapporto con Dio a partire dal rapporto con la figura maschile che riconosce più centrale nella sua vita. Non può fare altrimenti, cosciente o non cosciente: per tutti noi è stato ed è così.