BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCUOLA/ Stipendio insegnanti: aumento per qualità lavoro, non solo per anzianità

Si legge nel documento di economia e finanza del governo una nota che rigurda gli stipendi degli insegnanti. Saranno decisi anche in base alla qualità del lavoro

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Un nuovo sistema relativo agli aumenti dello stipendio degli insegnanti. E' quanto si capisce leggendo la nota di aggiornamento del Def, il documento di economia e finanza. In sostanza, invece di legare l'aumento ai classici scatti di anzianità, si preferisce una alternativa: aumenti in base alla qualità del lavoro svolto. Insomma, si giudicherà il merito e non l'anzianità. Qualcosa che accade già in diversi paesi europei, anche se nel progetto italiano gli scatti di anzianità resteranno comunque a stabilire un peso per quanto riguarda gli aumenti. Un sistema misto dunque. Si legge nel Def: “un sistema di valutazione delle prestazioni professionali collegato a una progressione di carriera svincolata dalla mera anzianità di servizio”. Il che significa, come si legge ancora, “una maggiore qualità alle istituzioni scolastiche”. Naturalmente si comincia già a discutere e polemizzare con questa iniziativa: ci si domanda infatti chi stabilirà i giudizi di merito, innanzitutto. Quali i criteri insomma con i quali si deciderà che un insegnante è più bravo di un altro. Sul tema è intervenuto come riporta Il Messaggero, il segretario generale di Flc-Cgil Mimmo Pantaleo: "La libertà di insegnamento non è contrattabile. Il confronto sulla valorizzazione professionale si deve fare nell’ambito dei rinnovi contrattuali con risorse aggiuntive rispetto agli aumenti salariali".

© Riproduzione Riservata.