BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Per sceglierla bene rileggiamo Guareschi

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

www.opendayinsieme.com  www.opendayinsieme.com

Riguardo ai criteri di scelta della scuola mi sembra che la domanda più corretta, e decisiva, sia quella che nasce da una preoccupazione sulla proposta educativa che i nostri figli possono incontrare a scuola. Ovviamente insieme ad una garantita serietà del percorso di studi. La domanda che un genitore dovrebbe farsi in occasione della scelta della scuola per i figli mi sembra ben formulata in questa lettera che ho ricevuto da una mamma: "Ma io che cosa desidero per mio figlio, prima di ogni cosa? Che ci sia qualcuno che lo guardi e lo abbia a cuore, che lo aiuti a diventare uomo e che lo educhi alla bellezza o altro? Sto leggendo la vita di don Giussani e mi sono commossa nel leggere i salti mortali fatti da sua madre, i sacrifici enormi per l'educazione di suo figlio e io… in fondo in fondo ne farei meno di lei. E allora… qual è la cosa più importante per mio figlio? Vorrà dire che faremo qualche sacrificio. Mio figlio ha deciso di iscriversi a un liceo scientifico paritario e il mio primo pensiero è stato "e se non ce la facciamo a reggere per cinque anni? Se il lavoro di mio marito andasse ancora peggio, o dovesse addirittura rimanere disoccupato? Mi viene da mettere le mani avanti. Sorgono tanti 'se' che mi paralizzano, ma poi guardo la mia vita. Penso alla mia storia e a quella dei miei amici, al bene che la vita è per me e mi rassereno. E allora non parto dai 'se' e dai 'ma' sul futuro, ma parto dall'oggi e dico: oggi questa educazione è per me e per mio figlio un bene irrinunciabile. Oggi punto su questo, il resto si affronterà pian piano".

E gli Open Day, che ormai fanno tutte le scuole? È utile andare a vedere oppure si rischia di rimanere confusi o addirittura sviati da "vetrine" senza un contenuto reale?
Andare a vedere nella vita è sempre un buon criterio. Certo che c'è il rischio di imbattersi in vetrine artificiali, costruite per attirare i gonzi. Ma la mia esperienza mi fa dire che i genitori, quando hanno a cuore il bene dei figli, hanno un "naso" straordinario. Fiutano e riconoscono con facilità l'imbroglio. Non si lasciano fregare. Andando a vedere ci si rende conto con facilità della proposta educativa che ogni scuola offre e si ha a disposizione un criterio quasi infallibile: la testimonianza di altre famiglie che su quella scuola hanno scommesso e sono in grado di raccontare la loro storia e la storia dei propri figli. Perché solo la testimonianza di chi ha vissuto dentro un'opera educativa aiuta a riconoscere ciò che è davvero buono e vero.

La scelta della scuola superiore chiede per la prima volta ai ragazzi di individuare il percorso più adatto alle proprie inclinazioni e attitudini. Mentre ancora si pensa che la scuola migliore sia il liceo, i livelli di dispersione scolastica rimangono alti. Com'è possibile aiutare famiglie e studenti in questo delicato passaggio?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >