BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

REGGIO CALABRIA/ Riaprono gli asili comunali, ma non per i bambini disabili

"Si informa che i bambini con disabilità non potranno essere accolti per l’impossibilità di nominare personale specializzato". Si legge sul sito del Comune di Reggio Calabria

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Dopo lo scioglimento del Comune per contiguità con la 'ndrangheta, avvenuto nell’autunno del 2012, Reggio Calabria riapre i suoi asili. Ma con una novità che sta già facendo discutere: "Si informa che i bambini con disabilità non potranno essere accolti per l’impossibilità di nominare personale specializzato (insegnanti di sostegno)”. E’ quanto si legge sul sito ufficiale di palazzo San Giorgio, dove è stato recentemente pubblicato il bando di iscrizione alle scuole d’infanzia comunali per l’anno scolastico 2014-2015. In attesa di vedere come si comporteranno i commissari alla guida del Comune da quasi due anni, non sono tardate ad arrivare le prime dure reazioni: secondo Luciano Squillaci, portavoce del Forum terzo settore di Reggio Calabria, si tratta di una evidente "negazione dei diritti, che comunque sussiste anche se legata a ragioni legali. Non è infatti ammissibile che i divieti ed i vincoli determinati dal pre-dissesto finanziario non conoscano esenzioni di alcun genere, neanche di fronte ad evidenti ingiustizie, ancora più odiose perché perpetrate nei confronti dei più deboli e delle loro famiglie”. Sembra infatti che la decisione di non accogliere i bimbi disabili sia stata presa a causa dell’impossibilità di effettuare nuove assunzioni mentre il Comune di Reggio Calabria si trova ancora inserito in un piano di rientro dai debiti accumulati durante gli anni precedenti.

© Riproduzione Riservata.