BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Di Menna (Uil): il nuovo contratto? Anzianità e tagli alla spesa, ecco la strada

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Massimo Di Menna, segretario Uil scuola (Infophoto)  Massimo Di Menna, segretario Uil scuola (Infophoto)

Tali materie richiedono un contratto  davvero nuovo, e un Governo che ponga al centro della modernizzazione del paese la scuola, la qualità della scuola che non può non passare per il riconoscimento delle professionalità. Continuare a pensare di trattare gli insegnanti come sudditi, tra l'altro in modo pasticciato, non porta da nessuna parte. Occorre un Governo che prenda rapidamente la strada del cambiamento. Pensare di parlare di contratto ancora in termini burocratici, normativi, significa essere lontani anni luce dalla realtà. Non è più il tempo di discutere, di fare lunghe campagne di ascolto, occorre decidere ed assumere responsabilità. Ciò vale anche per i sindacati; per parte nostra, lo ripetiamo da tempo, continuiamo a lanciare tale sfida.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
21/01/2014 - Andar sul ghiacciaio senza ramponi e picozza (enrico maranzana)

“Iniziare un percorso virtuoso di riconoscimento delle professionalità” dei docenti: “si tratta d mettere al centro la didattica, la ricerca, l’innovazione” .. “da parte nostra continuiamo a lanciare la sfida”. Per affrontare un confronto è necessario un adeguato studio. Perché i sindacati non mettono in risalto le responsabilità connesse alla formazione, all’educazione e all’istruzione ma limitano la loro attenzione allo stadio finale del servizio? Perché non hanno a riferimento la legge dello Stato? Perché non assumono una visione sistemica? Perché si disinteressano della struttura organizzativa? Perché non scrivono un mansionario? Perché non intervengono per chiedere l’applicazione del principio di separazione enunciato per la dirigenza pubblica dall’art. 37 dlgs 150/2009? Per evitare che “gli insegnanti siano trattati come sudditi” avrebbero dovuto difendere l’autonomia delle istituzioni scolastiche che “si sostanzia di progettazione”: perché il sindacato non ne ha denunciato la sterilizzazione che traspare lampante dai Pof?