BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Foschi (Diesse): contratti, l'anzianità non basta più

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Una mina vagante nell'attuale scenario della politica scolastica è rappresentata dal contratto della scuola, scaduto da quattro anni sia per la parte economica che per quella normativa. La Legge di stabilità, entrata in vigore il 1° gennaio 2014, ha rinnovato il blocco per tutto l'anno in corso del contratto nazionale del pubblico impiego, personale della scuola incluso. Nonostante le dichiarazioni contenute nella nota di accompagnamento del governo ("La Legge di Stabilità rafforza ulteriormente le misure già varate in favore della scuola, dell'università e della ricerca") quanto a stipendi e rapporti di lavoro la scuola rimane sott'acqua. La vacanza contrattuale, infatti, sarebbe prevista solo per il biennio 2015-2016 (dunque persa per il biennio precedente). Negli auguri di fine anno postati su Facebook il ministro Carrozza si è concentrata sul decreto "L'istruzione riparte", che ritiene il vero pezzo forte della sua azione governativa fino a questo punto, facendo riferimento ai "450 milioni di euro a regime per il diritto allo studio universitario, il wireless nelle scuole, agevolazioni per i trasporti, il comodato d'uso per i libri, l'assunzione di più d 26mila insegnanti di sostegno, l'orientamento, la lotta alla dispersione scolastica, la formazione dei docenti, gli istituti musicali".

Non c'è accenno al rinnovo contrattuale, anche perché il ministero dell'Economia e delle Finanze (Mef) ha ormai tirato una riga in calce ai conti. La tabella 7 allegata al bilancio di previsione 2014-2016 parla chiaro: non sono previsti aumenti di spesa per il personale, semmai un contenimento. Si aggiunga, in questa direzione, la simpatica intenzione del Mef di recuperare le somme già corrisposte nel 2013 per chi ha maturato, nel corso del 2012, il passaggio a una nuova classe stipendiale (vedi nota del 27 dicembre).

Sebbene gli adeguamenti economici siano esclusi dalla manovra del governo, e il prelievo sulle buste paga già versate appaia davvero un'inutile forzatura, tuttavia più volte il ministro Carrozza ha manifestato l'intenzione di volere aprire e chiudere, nel 2014, la vertenza contrattuale per la parte normativa. 

I sindacati di categoria all'unisono si sono espressi negativamente su una simile prospettiva: se non c'è rinnovo economico, non vale la pena parlare di aggiornamento normativo. Agli occhi delle organizzazioni sindacali la revisione dello status professionale separato dalla progressione economica equivarrebbe ad un intervento sull'orario di servizio, eventualmente protratto senza adeguato compenso. Non c'è che dire: i precedenti in questo ambito rafforzano il pregiudizio sindacale. Il ministro Profumo aveva annunciato e poi ritirato una proposta di aumento dell'orario settimanale di servizio dei docenti della scuola secondaria ope legis, senza il consenso sindacale. 



  PAG. SUCC. >