BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Tfa, caos in arrivo: ecco chi ha sbagliato

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Totale dei posti disponibili dichiarati il giorno 2 ottobre sul sito Cineca: 1.133, quasi il doppio di quelli autorizzati dal Miur.

Caso 2. Campania, classe A036, posti disponibili in regione: 29. Rassegna di alcuni interventi di un gruppo di discussione sul sito orizzontescuola.it: "Oggi (3 ottobre, nda) sono entrata nel mio profilo Cineca e mentre ieri come prima scelta mi indicava l'Università di Napoli [...], ora mi appare come prima scelta anche la Pegaso, un'università telematica[...]. Com'è possibile?". Altro candidato: "Qualcuno può aiutarci a capire se i posti dell'UniPegaso sono su scala regionale o nazionale? Per la A036, ad esempio, 27 per la Campania, o 27 in generale?" (in Campania i posti per la A036 sono 29 in tutto, nda). Ancora: "Ho scritto al Cineca e quella che segue è la loro risposta: 

Gent.ma, il DM 312 riporta il numero massimo dei posti a livello regionale. I dati che visualizza in procedura ci sono stati forniti direttamente dagli atenei. Abbiamo comunque inoltrato richiesta di verifica dei dati inseriti anche al Ministero, per chiarimenti riguardanti la correttezza del dato. Al momento si consiglia di non chiudere definitivamente la procedura di scelta dell'istituzione. Cordiali saluti. Cineca - Servizio Consulenza".

La confusione generata è, riteniamo, solo allo stato iniziale. Occorre dare risposte tempestive e chiarificatrici per prevenire disfunzioni più gravi.

Per cercare di capire cosa stia accadendo è opportuna una breve ricostruzione degli atti e il richiamo ai ruoli che i diversi attori dovrebbero avere nella vicenda. 

Il 16 maggio 2014, a nostro giudizio con grande ritardo, viene emanato il DM n. 312 che definisce, nell'Allegato A, i contingenti regionali per il Tfa. Le università leggono nel decreto un cambiamento di procedura rispetto al I ciclo di Tfa: i contingenti non sono più determinati università per università, ma per regione. Nel DM 312 si dice solo, all'art. 14 comma 1, che "I corsi sono attivati nel mese di novembre 2014 e hanno durata annuale. Con successivo provvedimento possono essere definite le modalità di istituzione, attivazione e organizzazione dei corsi".

Il 20 giugno viene emanato il decreto n. 487/2014, che stabilisce all'art. 2 comma 1 che "I corsi di Tfa [...] sono istituiti e attivati dalle università, anche in modalità interateneo. La loro istituzione è subordinata, oltre che agli adempimenti di cui all'articolo 4 del dm. n. 39 del 2011, anche all'acquisizione del parere favorevole del Comitato regionale di coordinamento, d'intesa con il Direttore dell'Usr [...]".

Per istituire i corsi di Tfa ciascuna università deve quindi aver acquisito il "parere favorevole" dal Comitato regionale di coordinamento (Coreco), che lo esprime d'intesa con il direttore dell'Usr. In assenza di tale parere è legittimo ritenere che i corsi non possano essere istituiti. 

Domanda: qualcuno si è preoccupato di verificare l'acquisizione dei "pareri" espressi dai Coreco delle diverse regioni? È possibile sapere se i Comitati regionali si siano riuniti, abbiano lavorato d'intesa con il direttore dell'Usr e abbiano soprattutto espresso "parere favorevole" all'istituzione del Tfa presso questo o quell'ateneo? Sono accessibili gli atti conseguenti (verbali)?



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >