BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIVERSITA'/ L'anomalia italiana che "sfugge" alle classifiche mondiali

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Cosa qualifica veramente una università? Cosa ne determina il valore per lo studente e per chi ci lavora, professori, ricercatori o personale amministrativo? Che esistano università migliori di altre è un dato di fatto, ma come si può pesare rigorosamente il reale valore di una università, collocandolo su una scala assoluta? E infine: quanto peso dare alle "classifiche" che annualmente più o meno dalla fine del XX secolo tentano un ranking globale?

Esistono almeno tre grandi classifiche mondiali. La prima è stata quella redatta dalla rivista Times Higer Education in collaborazione con QS (Quacquarelli Sysmonds è un'agenzia britannica fondata da Nunzio Quacquarelli, un inglese di lontana discendenza italiana): da essa sono nati due ranking globali, uno per ciascuno dei due soggetti che inizialmente collaboravano. Con essi ormai da qualche anno compare la classifica Arwu (Academic Ranking of World Universities), realizzata dalla Università Jiao Tong di Shanghai.

Analizzando le classifiche, si possono trovare nelle prime posizioni poche sorprese o molte conferme rispetto a quanto anche i non addetti possono pensare: per esempio si può scoprire che nelle prime dieci-dodici posizioni si trovano sempre — anche se in ordine diverso a seconda di chi fa la classifica — i nomi più famosi, come il Mit, Harvard, Oxford, Berkeley, il Caltech, Princeton, Stanford, Cambridge, la Columbia. 

Questo non dovrebbe impressionare più di tanto: chi non sapeva già che il Mit è una delle migliori università del mondo? E che dire di Stanford? Potremmo forse aspettarci di trovare per esempio l'università di Trondheim "davanti" a Princeton? Se pensiamo che in varia misura uno degli indicatori è proprio il prestigio internazionale presso le altre università nel mondo, facilmente riusciamo a comprendere come scalfire le prime dieci posizioni sia veramente difficile. La scelta degli indicatori dunque in qualche modo "orienta" il risultato. Lungi da un affronto sistematico e analitico del problema, impossibile in questa sede, il tema vero delle classifiche è infatti la scelta dei criteri. 

Da un rapido confronto dei meccanismi con cui questi ranking vengono stilati appare chiaro che l'interesse è fortemente orientato alla ricerca e all'esito post-laurea del percorso accademico (per esempio si contano i premi Nobel e le medaglie Fields che hanno frequentato l'università in esame), e si pone grande attenzione a elementi che potremmo dire "procedurali" del sistema formativo, quali ampiezza delle aule, infrastrutture fisiche e tecnologiche ecc. che sono tutte cose assolutamente importanti da tenere in conto in una valutazione complessiva di un ateneo. Soprattutto — viene da sospettare — per chi in questo ateneo deve investire: prestigio, qualità della ricerca, infrastrutture sono tutti elementi importanti perché un eventuale investitore privato, o un famoso ex-alunno decida di destinare fondi per questo o quell'università (e se è vero che Harvard investe un miliardo di dollari in "buildings" all'anno, è inevitabile pensare che non sia solo un sospetto a farci pensare male…).



  PAG. SUCC. >