BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Pornografia (in classe) a 7 anni, ecco l'Educazione europea

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Il fatto che esistono coppie omosessuali che vanno rispettate nelle loro scelte non consente di per sé a nessuno di presentare come un modello di vita quelle che sono scelte personali, per di più autopercepite fino ad essere meramente autocertificate, e relative alla sfera privata. A parte la lecita domanda che mi faccio come insegnante, visto che fra poco sarà impossibile spiegare a una classe Renzo e Lucia, o Dante e Beatrice, credo che ogni persona, se proprio deve scegliersi una identità sessuale, deve farlo a partire dalle proprie esperienze, e non essendo indotto dalla pubblicità (o dalle letture scolastiche).

La ragione per cui le ho scritto è che se il ministro uscente Carrozza era riuscito a infilare il superamento degli "stereotipi di genere" nella formazione obbligatoria degli insegnanti e a produrre effetti concreti e incontrollati fino agli esempi che ho proposto, il nuovo ministro dovrebbe chiarire le linee in cui intende muoversi. Anche se probabilmente sarà l'esito della proposta Scalfarotto a decidere in Senato se gli italiani si prostreranno al gender oppure no, e allora il ministro dell'Istruzione non farà che obbedire.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.