BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Pellegatta (Disal): caro Scrima, occorre entrare nel merito…

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Alla Cisl stanno a cuore solo gli scatti di anzianità? Ma allora il grande lavoro dei tanti docenti e non docenti per tutte le attività progettate per gli studenti e compensate con il Fis non va considerato come lavoro del personale della scuola? Invece gli scatti di anzianità avuti nello stipendio da chi fa numerose assenze, da chi non accetta mai impegni aggiuntivi a servizio della scuola, da chi non accetta mai di assumersi responsabilità e impegni, questo sì che è compenso per il lavoro per la scuola? Dobbiamo essere tutti più sereni, attenti a "tutte" le esigenze reali delle scuole e dialogare con obiettività.

Roberto Pellegatta
dirigente scolastico, DiSAL



Caro direttore,

non voglio abusare della vostra ospitalità, ma devo una risposta al sig. Pellegatta e cercherò di renderla telegrafica. 1) Non ho mai negato i ritardi di quest'anno negli accreditamenti da parte del Miur. Ho solo detto, e lo confermo, che non sono questi la causa dell'accumularsi di risorse non spese. 2) Ribadisco che tutti i sindacati, nell'incontro del 28 gennaio, hanno condiviso l'ipotesi di un utilizzo delle risorse non spese per contenere i disagi di quelle scuole che le hanno interamente utilizzate. 3) Sulle difficoltà della scuola paritaria, il sig. Pellegatta evidentemente non conosce le posizioni della Cisl Scuola. Se crede, può farsele illustrare da qualche lavoratore del settore o dagli stessi enti gestori, che in ripetute occasioni le hanno fatte oggetto di pubblico apprezzamento. Quanto sopra al fine di ristabilire un minimo di obiettività del dialogo.

Roma, 6 febbraio 2014
Francesco Scrima
segretario generale Cisl Scuola



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.