BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

SCUOLA/ Non sarà lo Stato a difenderci dagli "esperti" del gender

InfophotoInfophoto

Ma smantellata la cassetta degli attrezzi di quello che potremmo chiamare il pensiero della differenza applicato all'educazione sessuale, prerequisito fondamentale per quella che successivamente sarà l'esperienza della differenza e della complementarietà nella sessualità, qualcuno ha voluto creare un'altra cassetta di attrezzi didattici che punta ad appiattire le differenze sessuali. Concretamente, a contrastare "l'insieme delle credenze e delle opinioni che tenderebbero alla rivendicazione della eteronormatività, e cioè dell'idea secondo cui l'eterosessualità sia la sola, naturale, forma di sessualità" (Strumento di sensibilizzazione, informazione e formazione, Unar, 2013, pag. 43). Per contrastare il bullismo omofobico, che non può in nessun caso essere giustificato, si corre il rischio di vanificare ogni forma di educazione sessuale basata sul principio della eterosessualità e improntata ad una sessualità che abbia come orizzonte di senso l'amore.    

Per questo è importante che i genitori non confondano informazione e formazione e non deleghino a sedicenti esperti quello che i figli debbono assorbire nel contesto di una vita di famiglia, se questo è davvero – ancora con le parole di Maddalena Bertolini − luogo di amore e di verità.  

© Riproduzione Riservata.