BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ La lettera: come si può educare alla legalità senza insegnare le leggi?

Pubblicazione:

Lele Mora in aula (Infophoto)  Lele Mora in aula (Infophoto)

Foto e filmati che documentavano l'oltraggio alla persona coniugato con la più totale mancanza di umanità.

Umanità che, invece, traspariva dal racconto dei sopravvissuti.

Studenti attenti, silenziosi e colpiti dalle immagini e dalle riflessioni di chi interveniva, poi all'uscita gran parte di essi, sciamando verso l'uscita, ha cominciato ad allontanarsi con i motorini.

Nessuno di essi col casco in testa ed alcuni impennando persino il mezzo tra i passanti spaventati.

Mi si obietterà che il racconto c'entra poco con l'idea di fondo dell'articolo di Zamboli?

Non credo, anche perché gli studenti senza il casco sono i futuri elettori italiani.

La discussione che sta accompagnando le proposte di riforme costituzionali e l'ipotesi della nuova legge elettorale sconta innanzi tutto una fondamentale ignoranza dei meccanismi di base della partecipazione democratica.

Non si spiegano altrimenti le percentuali elevate di chi nei sondaggi si rifugia nel "Non risponde".

Non capisco come non ci preoccupi del dato che segnalo ed ancor meno capisco le prime prese di posizione e dichiarazioni del neo-ministro dell'Istruzione che pure è segretaria di un movimento che fa del civismo la sua denominazione.

Insomma non solo si continua ad ignorare la necessità di ripristinare lo studio della Costituzione e del Diritto ma si continuano a propagandare soluzioni che, come nel caso dell'articolo di Filomena Zamboli, toccherebbero le corde dell'animo ma ignorando la necessità della conoscenza.

Decisamente strano destino per un sistema scolastico che si vorrebbe innovare per avvicinarlo maggiormente alla realtà.

Una realtà fatta solo da testimoni del fallimento dell'educazione al rispetto delle regole?

Un po' poco mi pare e perciò ho provato a scrivere queste note.

Lavoro improbo ma necessario.

Almeno per chi come me crede che ripristinare lo studio delle regole serva e prima che i guasti siano irreparabili. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
22/07/2014 - Cittadinanza e Costituzione (sina ezio)

Concordo in pieno con quanto sostiene Franco Labella quando si riferisce alla sciagurata interpretazione generalista che ha di fatto svilito la natura stessa di "Cittadinanza e Costituzione". Credo che a nessuno possa venire in mente di affidare la docenza di discipline sanitarie a qualcuno che non dimostri in modo chiaro e documentato di possedere specifiche conoscenze e competenze professionali certificate da studi accademici e abilitazioni professionali. Perché dunque affidare una Disciplina che basa la sua essenza ed identità su un documento giuridico, la Costituzione, a insegnanti che non dispongono delle necessarie conoscenze, competenze, certificazioni in materia? A meno che si dichiari apertamente che ci sta a cuore formare buoni medici, un poco meno invece formare buoni cittadini.

 
11/04/2014 - Quando la realtà supera la fantasia.... (Franco Labella)

No,ovviamente ho il buon gusto di non scrivere un commento ma piuttosto ho piuttosto la necessità di una integrazione a quanto ho appena scritto nell'articolo. Dopo aver scritto di Costituzione ignorata anche da soggetti di media istruzione, manco il tempo di scrivere di carenze che si sedimentano ad ogni livello e trovo questo: " Secondo il giudice di Grosseto il matrimonio omosessuale non è contrario alla legislatura italiana all’interno della quale non esisterebbe un divieto esplicito a questo tipo di unione …" Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2014/04/10/via_libera_dal_tribunale_di_grosseto_a_nozze_gay_su_registro_civile./it1-789608 del sito Radio Vaticana Legislatura? La durata in vita del Parlamento confusa con il complesso delle norme e cioè la legislazione? Se ci fossero i test d'ingresso alla carriera giornalistica il redattore sarebbe stato sicuramente bocciato perché un lapsus relativo all'abc è inammissibile. Ed il florilegio potrebbe continuare a 360 gradi… Ancora convinti che, ai fini dell'individuazione di un core curriculum, studiare il Diritto non serva anche solo a scrivere correttamente in italiano? Ministro Giannini, di "Scelta civica", perché non ci illumina con la sua opinione?