BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Tfa, un "balletto" Miur-sindacati sulla pelle dei giovani

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Per non parlare poi delle maggiorazioni di punteggio a favore dei laureati in Scienze della formazione primaria rispetto ai diplomati magistrali ante 2001/02, o i 42 punti aggiuntivi previsti per i neoabilitati con Tfa (12 per l'anno di corso e 30 per il superamento della selezione) che, considerazioni di merito a parte, hanno fatto saltare i nervi ai sindacati: il Miur non solo non li aveva sentiti per la stesura della nuova tabella di valutazione, ma l'aveva tenuta nascosta fino a quel momento. 

Giustificati o meno, ma a buon titolo indignati, hanno abbandonato la riunione mentre i rappresentanti del Miur per parte loro l'aggiornavano al pomeriggio del giorno dopo, ipotizzando di poter consegnare le "bozze eventualmente disponibili" (…ma non erano stati firmati i testi definitivi?).

L'8 pomeriggio nuova riunione con i sindacati, che nel frattempo avevano diffuso comunicati di fuoco contro il Miur e minacciato interventi sul piano sindacale e legale.

L'amministrazione si è presentata alla riunione con tutti i documenti "in bozza", comunicando candidamente che: "no, il ministro non aveva firmato nessuno dei provvedimenti"; anzi, invitava i sindacati ad avanzare osservazioni e richieste di modifica, con riservava di attenta valutazione prima di procedere alla pubblicazione. Nel giro di 24 ore i comunicati sono diventati carta straccia e, manco a dirlo, venerdì 9 maggio il bando del Tfa non è stato pubblicato. 

Legittimo a questo punto pensare che o c'è un difetto di comunicazione interno al ministero – e allora il ministro ne prenda atto e cambi addetto stampa –, oppure qualcuno per altri scopi sta giocando a fare il furbo sulla pelle della gente; ma questo non è accettabile…

 Nel frattempo dall'interno dello stesso ministero è stato evidenziato un clamoroso errore nella "bozza" del bando; qualora non venisse corretto lascerebbe fuori diversi laureati, quelli cioè che nell'anno accademico 2010/11 non erano ancora iscritti ad un corso di laurea specialistica o magistrale, in pratica quanti si sono laureati regolarmente in corso dopo il 2012. 

Un altro segno della superficialità e della scarsa competenza dei funzionari che hanno redatto i provvedimenti o di volontà non confessabili, scientemente applicate? 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.